"Trump ha evaso le tasse", indagini a New York

Donald Trump ha commesso "frodi" aiutando i genitori a evadere il fisco e a gonfiare il denaro da loro ricevuto.

Donald Trump a lungo si e' promosso come un miliardario che si e' fatto da solo, ma un'inchiesta del New York Times - scrive lo stesso quotidiano - ha scoperto che il tycoon ricevette almeno 413 milioni di dollari provenienti dall'impero immobiliare del padre, gran parte dei quali frutto di operazioni di elusione fiscale. Il giornale parla di "vere e proprie frodi" che hanno aumentato enormemente la fortuna ereditata dal tycoon alla morte di Fred Trump nel 1999. I genitori sono accusati di aver trasferito oltre un miliardo di dollari ai figli sotto forma di "regalo": secondo la tassazione del tempo sull'eredità e sui regali - pari al 55% - tale somma avrebbe dovuto generare 550 milioni di tasse.

Sul caso è intervenuto anche il sindaco di New York Bill de Blasio, tra i possibili candidati democratici alle prossime elezioni presidenziali del 2020: "La città di New York lavorerà con lo Stato di New York per indagare a fondo e vedere di recuperare ogni soldo di tasse non pagate da Donald Trump e sottratte ai cittadini newyorchesi", ha dichiarato. L'inchiesta solleva nuovi dubbi sul fatto che Trump si sia finora rifiutato di rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi, rompendo una consuetudine lunga decenni da parte dei presidenti americani.

Fosse vero quanto portato alla luce dal New York Times, Trump non dovrebbe rispondere delle sue azioni dal punto di vista legale in quanto il reato sarebbe ormai in prescrizione.

Nessun commento è arrivato dal'Internal Revenue Service (Irs), il fisco Usa, che non ha smentito o confermato le accuse mentre l'avvocato di Trump Charles Harder ha definito "100 per cento false" le accuse di evasione, minacciando querela. Una bugia bella e buona secondo i giornalisti del NyT, che hanno analizzato oltre 200 dichiarazioni dei redditi di Fred Trump, delle sue società e varie associazioni.

Dal canto suo Trump respinge le accuse, bollando l'inchiesta giornalistica come "un attacco fuorviante alla famiglia Trump".