Torino, approvato l’odg NoTav del M5s in consiglio comunale

Torino, approvato l’odg NoTav del M5s in consiglio comunale

"Siamo in presenza - ha affermato, a margine di un evento a Firenze - di una forza politica che continua a fare del male all'Italia e a farsi del male, lo abbiamo visto praticamente su tutte le partite delle infrastrutture sul nostro territorio nazionale". Giorgetti, intanto, sottolineava che "da parte nostra non c'è nessun problema" sulla grandi opere. Luigi Di Maio torna a dirsi "contrario" alla Tap mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti interviene per dire che "le cose che devono essere fatte si fanno".

In attesa che venga completata l'analisi costi-benefici annunciata dal governo, il no del vicepremier desta più di una preoccupazione in Piemonte.

Approda lunedì in Sala Rossa, infatti, l'ordine del giorno con cui la maggioranza pentastellata intende impegnare la giunta comunale a intervenire sul governo perché sospenda "qualunque operazione indirizzata all'avanzamento dell'opera".

"Siamo sempre stati contrari al tav, la posizione è già nota da tempo, ora la decisione spetta al governo".

E nei vari punti si chiede anche di impegnarsi per "abolire il ruolo di Commissario straordinario del Governo per la Torino-Lione (attualmente ricoperto da Paolo Foietta, ndr)" e si sottolinea inoltre che "non esiste alcun accordo internazionale sottoscritto dall'Italia nei confronti della Francia o dell'Europa che preveda l'esborso di penali in caso di ritiro unilaterale italiano", ricordando anche che la Città di Torino, il 5 dicembre 2016, ha formalizzato la contrarietà alla realizzazione dell'opera con l'uscita dei suoi rappresentanti dalll'Osservatorio tecnico "ritenendo incompatibile la partecipazione dato che lo stesso non ha il compito di discutere e valutare l'opera in quanto tale ma solo di considerarne le modalità di realizzazione". "Trovo assurdo - ha aggiunto il presidente della Regione, riferendosi evidentemente alla sindaca Appendino - che si voti in Consiglio comunale un odg di quella importanza senza chi rappresenta la Città ai massimi livelli".

Alla discussione non ci sarà la sindaca, Chiara Appendino, a Dubai per cercare di attrarre nuovi investitori a Torino.