Terremoto Genoa: esonerato Ballardini, torna Juric. E il derby…

Terremoto Genoa: esonerato Ballardini, torna Juric. E il derby…

Io guardo la squadra in campo, e non mi ha mai dato motivo di soddisfazione al di là del risultato. Ho visto una squadra allo sbaraglio. "La scelta è mia e mi prendo la responsabilità".

Era nell'aria e proprio negli ultimi minuti è arrivata la notizia: Davide Ballardini non è più l'allenatore del Genoa, al suo posto è stato richiamato Ivan Juric.

Le troppe disattenzioni difensive hanno probabilmente irritato il presidente rossoblù, che, con un Piatek così, si aspettava qualcosa di meglio.

Come sei cambiato in questo periodo?

Poi che a questa squadra manchi qualcosina lo capisco. Adesso, a quasi un anno di distanza, siamo a raccontare uno scenario ribaltato con il tecnico ravennate che è costretto a fare le valigie dopo l'1-3 casalingo contro il Parma e 12 punti ottenuti in sette partite.

Per me importante è avere equilibrio come l'anno scorso, che il Genoa non faceva giocare l'avversario e qualche gol lo facevamo. Con l'Empoli abbiamo sofferto, col Bologna abbiamo fatto una fatica enorme. Quello che non va è il gioco. Ho parlato con lui, ma non ho avuto le risposte che mi aspettavo.

Ho anche incontrato qualche altro allenatore, ma penso che Juric possa essere la persona giusta per costruire del bel gioco. Ripartire dalla tana della formazione di Massimiliano Allegri, che per giunta è a punteggio pieno in campionato, non sarà per niente facile tenendo conto anche che, dopo la gara interna contro l'Udinese, ci saranno nell'ordine Milan e Inter a San Siro e Napoli in casa.

Portieri: "C'è bisogno di un po' di tempo".