Passaggio da ora legale a ora solare: è l'ultima volta?

Passaggio da ora legale a ora solare: è l'ultima volta?

L'ora legale che ci ha accompagnato per tutta l'estate e ha reso possibile quelle cene al tramonto finirà la notte fra sabato 27 e domenica 28 ottobre.

Anche questo ottobre dovremmo ricordarci che l'orologio va spostato di un'ora indietro.

L'ora legale non esiste ovunque nel mondo: in Italia e in alcuni paesi dell'Unione europea, come ad esempio in Svizzera, l'ora legale inizia l'ultima domenica di marzo e termina l'ultima domenica del mese di ottobre. Il trattato sull'ora legale è stato ponderato sulla base di cicliche condizioni atmosferiche ed è stato stabilito appositamente per poter usufruire maggiormente dell'irradiazione solare estiva, favorendo anche il risparmio energetico.

Perchè si passa dall'Ora Legale all'Ora Solare?

Un gesto che, dopo la consultazione della Commissione Europea, potrebbe finire nel dimenticatoio, dato che l'80% dei cittadini europei che hanno dato il loro parere ha espresso la volontà di abolire il cambio tra ora legale e ora solare. Il vantaggio è che le mattine avranno più luce, ma, di contro, la sera il sole tramonterà prima.

La discussione sull'opportunità o meno di mantenere questa convenzione deriva dagli effetti di questo spostamento soprattutto sulle popolazioni del Nord Europa, dove sono stati registrati negli anni disturbi del sonno, cambiamenti e squilibri del corpo, sbalzi di umore, problemi cardiaci, perfino maggiori incidenti stradali e sul lavoro.

Ma come cambiare la posizione delle lancette dei nostri orologi? Le lancette dell'orologio saranno spostate un'ora indietro, ma questa potrebbe essere l'ultima volta. In precedenza era stata usata per la prima volta nel 1916. Nel 1940, con lo scoppio della Seconda guerra mondiale, la misura venne nuovamente adottata, per poi essere abrogata nel 1948.

Quando nel 1979 la rivoluzione iraniana portò alla crescita del prezzo del petrolio, si verificò una nuova grande crisi energetica a livello internazionale. Ogni Stato membro dell'Ue dovrà quindi esprimersi, comunicando se intende applicare definitivamente l'ora legale o quella solare.