Monza, Berlusconi al Brianteo per Monza-Triestina: "Inizio di una nuova avventura"

Monza, Berlusconi al Brianteo per Monza-Triestina:

Del resto l'occasione è storica: per la prima gara casalinga dopo il closing non solo ci sarà Adriano Galliani che non ha mai smesso di esultare o soffrire a San Siro, ma soprattutto rimetterà piede in uno stadio Berlusconi che, dopo aver venduto il club rossonero, ha seguito da lontano le vicende della squadra. Che parlino all'arbitro non nei modi che si vedono nelle varie partite ma tenendo conto che è il dominus della situazione e poi vadano in giro vestiti come si deve. Non mi piace l'idea di calcio di Gattuso.

"Di questa proprietà si può aver fiducia, sa che non dovrà fare brutte figure. Il fondo Elliott ha investito tanto e sicuramente vorrà rivendere ad una cifra maggiore". Il Milan dovrebbe giocare sempre con due punte, Higuain è un goleador e Cutrone un'ottima prima punta. Non capisco perché ci arrivo io, ci è arrivato Ancelotti e anche Capello e non ci arriva l'attuale guida tecnica. "Kakà? Magari", sono le parole riportate da monza-news.it.

Iniziato, come detto, al di fuori dell'impianto, dove ancora una volta Berlusconi ha voluto spiegare i motivi del suo ritorno. "Soprattutto che sia un esempio diverso al mal esempio che i giovani ricevono dai giocatori che sono in campo anche nelle squadre più forti". Una era questa: ricordatevi che chi ci crede combatte, chi ci crede supera tutti gli ostacoli, chi ci crede vince. Il match è però terminato 1-1.