Migranti, lo stop di Salvini alla Germania: 'Chiudiamo anche gli aeroporti'

Migranti, lo stop di Salvini alla Germania: 'Chiudiamo anche gli aeroporti'

Di diverso avviso Luigi Di Maio: "Io questa cosa dei charter con i migranti che arrivano in Italia non so chi l'abbia autorizzata, sinceramente, perché sui 'secondary movement', che erano il tema su cui si discuteva come Italia in Europa e che ci chiedeva la Germania, non è stato sottoscritto alcun accordo".

E così ieri, dopo la minaccia di chiusura dei porti, il ministro dell'Interno ha alzato gli occhi al cielo e ha minacciato di chiudere pure gli aeroporti, pur di non far atterrare un charter che dai cieli tedeschi giovedì prossimo sarebbe arrivato a Fiumicino con 40 migranti da riportare in Italia.

L'obbligo del primo ingresso è, come detto, previsto dagli accordi di Dublino: da mesi l'Unione Europea sta cercando di riformare questi accordi ma la Lega non ha partecipato a nessuna delle 22 riunioni tenute in commissione per la riforma.

Attualmente, il Viminale non ha nulla di ufficiale in mano e non esistono né conferme né smentite da parte del Governo tedesco sulla questione. Né che siano programmati voli charter dalla Germania nelle prossime settimane.

Nei giorni scorsi Petra Haubner, avvocato che assiste i profughi in Baviera, in Germania, ha raccontato a Repubblica che "c'è stata un' accelerazione micidiale" sul fronte dei ricollocamenti dei "dublinanti": "Ogni giorno da Deggendorf prelevano almeno un richiedente asilo o una famiglia intera per i Paesi di prima destinazione". Lo dice il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini.

La Germania vorrebbe rimandare in Italia ben 40mila immigrati irregolari, con il rischio che si apra una crisi diplomatica senza precedenti. E ora pizzicato col sorcio in bocca da quei cattivoni di Repubblica fa il ganassa? Il nuovo Governo italiano ha annunciato che la lotta contro l'immigrazione illegale è una delle sue priorità. Chiarisca: tornano o no?