Lamezia: morte madre e figlio, Procura indaga per omicidio colposo

Lamezia: morte madre e figlio, Procura indaga per omicidio colposo

Il maltempo ha fatto danni a Catania, dove è iniziata la conta dei danni dopo il nubifragio che ieri ha trasformato in un torrente alcune strade cittadine come la centralissima via Etnea, ed anche in Puglia, con problemi nella circolazione, stradale e ferroviaria a Bari e Taranto ed un camionista morto nel leccese, forse per un incidente provocato dalla pioggia.

Stefania Signore, una mamma ventiseienne di 2 bambini è morta insieme a uno dei suoi piccoli.

Stefania, che lavorava in un call center, era uscita per andare a prendere i figli di 7 e 2 anni che erano dai nonni. La vettura sulla quale viaggiava la donna con i suoi bambini era stata trovata vuota con le quattro frecce accese a San Pietro Lametino. L'acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza.

E' in quella stessa zona che adesso sono concentrate le ricerche dell'altro figlio. Ma solo stamani i vigili hanno individuato i corpi della donna e del figlio grande, riversi in un torrente, ad una cinquantina di metri l'uno dall'altro. Ricerche che andranno avanti tutta la notte, condizioni meteo permettendo. Le speranze di trovarlo ancora in vita sono pressoché nulle. Governo che si è già fatto sentire.

Le ferite di quella drammatica esperienza pian piano guarirono, mentre quel trauma in realtà la protagonista di questa triste vicenda non l'ha mai superato: in Gran Bretagna, ha molto scosso l'opinione pubblica tanto da valicare i confini nazionali la storia della giovane Yazmina, ragazza di 18 anni morta suicida nello stesso modo in cui sua madre, 15 anni prima decise di farla finita: la donna si era lanciata infatti dal settimo piano dell'appartamento in cui vivevano a Maidstone, tenendola in braccio ma se sua madre Maxine era deceduta sul colpo, la piccola che all'epoca aveva tre anni si era salvata, pur riportando gravissime fratture in special modo al cranio.