Di Maio: "Def domani alle Camere. Non arretriamo di un millimetro"

Di Maio:

Un moderno Robin Hood Luigi Di Maio che su Facebook scrive che il governo inserirà nella manovra alcune misure sulle banche spiegando che "togliere qualche privilegio ai banchieri" serve a "restituire qualche diritto ai cittadini". "Dobbiamo dialogare bene con l'Europa su questa manovra in modo da costringerli a dirci di no, ma il loro no non può essere motivato", dice il capo politico del M5S.

Ma ormai la frittata è fatta. Lo spread? "I mercati sono sensibili alle parole dei commissari Ue". Quanto alle agenzie di rating, "se si parla di declassamento a causa del tetto deficit/Pil al 2,4%, che e' in linea con i passati governi e anzi a volte e' stato anche superiore, allora devo pensare che c'e' un pregiudizio su questo governo". Prendere tempo in un tira e molla con Bruxelles, tenendo sempre alto il livello di tensione, per poter poi cavalcare l'onda anti-Ue, nella nella speranza che a maggio gli equilibri nell'Europarlamento vengano scardinati dall'avanzata populista-sovranista. Siamo i primi a volerli incontrare se vogliono parlare della manovra, stiamo anche tre giorni chiusi dentro a spiegare ma diritti e conti in ordine possono stare nella stessa manovra.

Insomma, Salvini ci ha dovuto mettere una pezza, siamo d'accordo.