Di Maio: "Ci sarà terremoto politico e le regole cambieranno"

Di Maio:

Manovra per "ripagare il popolo italiano di tanti torti subiti" Quanto al pressing subito avviato dai vertici Ue, Di Maio chiarisce di non voler "alzare i toni" perché "diciamolo chiaro, questa Europa è finita", e sopravviverà ancora "pochi mesi".

Alta tensione tra Italia e Unione Europea. "Posso promettervi che avrete dalla vostra parte un governo amico".Nonostante la pioggia che si abbatteva sul villaggio all'arrivo del leader dei 5 Stelle, salvo poi cessare poco dopo, Di Maio è stato accolto da una folla di curiosi, applausi, ressa e strette di mano.

Su Bilancio nessun piano B del Governo Sulla manovra, insiste, "non esiste un piano B perché non si arretra". Il vicepremier infine ha ricordato che alle europee di maggio 2019 "ci sarà un terremoto politico" che avvantaggerà l'Italia. "La più grande spesa -aggiunge -, quasi 12 miliardi, è per coprire i debiti di quelli che hanno governato fino a ieri: non aumenta l'Iva, e non è una cosa scontata perché quelli che governavano prima ci hanno lasciato un buco di 12 miliardi". In tutti i paesi europei - lo vediamo dai sondaggi - sta per accadere quello che è accaduto qui il 4 marzo.

Come a dire che più la Ue si mette contro il nostro Paese più alimenterà il sentimento euroscettico e sovranista. Di Maio ha dichiarato che queste manovre sortiscono però esattamente l'effetto indesiderato poiché, per difendere l'Italia dagli attacchi che provengono da alcuni commissari europei per lo più rappresentanti di partiti in forte difficoltà, il governo si compatta invece sempre di più.

Il nodo delle alleanze.

Il vicepremier Luigi Di Maio, intervenuto a margine della manifestazione di Coldiretti a Roma, ha spazzato via tutti i dubbi relativi alla nota di aggiornamento del Def.

Di Maio poi ha ribadito di essere aperto a un dialogo con Bruxelles se non ci sono "pregiudizi" verso il governo italiano che, ha sottolineato, ha scelto di fare "un po' di deficit" per la crescita e non per soddisfare clientele.