DEF: le manovre su reddito di cittadinanza, pensioni, tasse e il resto

DEF: le manovre su reddito di cittadinanza, pensioni, tasse e il resto

"Se ci saranno persone che vorranno imbrogliare, rischieranno fino a 6 anni di galera". Si possono non rispettare alcune, ma se qualcuno dice che sono state violate non ci si può offendere.

Il beneficio infatti è legato a doppio filo all'obbligo, per chi percepisce il reddito di cittadinanza, di seguire un percorso formativo vincolante accettando "almeno una delle prime tre proposte di lavoro eque e non lontane dal luogo di residenza del lavoratore". Altri rom affermano di avere delle dimore vere e proprie all'interno del campo, e quando viene detto che il possesso di un immobile rende impossibile l'accesso al reddito di cittadinanza, chiariscono che si tratta di costruzioni abusive, che quindi non risultano nemmeno costruite. Dieci, per i 5 Stelle, ma non per Matteo Salvini, che a Radio Anch'io spiega: "In totale ci sono 16 miliardi tra reddito di cittadinanza, aumento delle pensioni di invalidità, quoziente familiare, premio alle famiglie numerose, quindi un contributo alla natalità, e superamento della legge Fornero". In questo modo potrebbe convertire il Reddito di Cittadinanza in contanti da spendere in maniera "immorale". Il secondo requisito è quello di essere in una situazione di povertà non solo reddituale (ossia guadagnare meno di 780 euro al mese), ma anche patrimoniale.

La misura prevede un assegno da 780 euro da erogare a chi si trova sotto la soglia di povertà relativa per sostenerne i consumi e incentivarlo a rientrare nel mercato del lavoro allargando l'occupazione. Chi riceverà il sussidio dovrà impegnarsi in corsi di formazione e lavori socialmente utili. Se una persona ha per esempio dei lavoretti part time e guadagna 400 euro al mese, ne otterrà altri 380.

Non potranno rifiutare tre offerte di lavoro consecutive e dovranno comunicare tempestivamente ogni variazione di reddito. "E la mia precisazione riguarda le spese immorali, che è un tema importantissimo: io non mi riferivo a nient'altro se non al gioco d'azzardo, perché il gioco d'azzardo è una piaga sociale che noi stiamo debellando con tutte le nostre forze e il mio primo provvedimento da ministro è stato togliere di mezzo la pubblicità sul gioco d'azzardo nel Decreto Dignità". Sappiamo però che verranno messi diversi paletti a partire dall'ISEE e dalla casa di proprietà fino ai luoghi dove quei soldi potranno essere spesi per acquistare cibo, vestiti, libri scolastici e (pare) per pagare l'affitto e le bollette. I soldi, poi, non saranno tutti caricati sulla tessera.