Banksy svela il mistero del quadro autodistrutto all'asta

Banksy svela il mistero del quadro autodistrutto all'asta

Banksy in un breve video cerca di spiegare come ha distrutto la sua "Girl With Balloon" venduta all'asta per un milione di sterline da Sotheby's.

L'opera dello street artist inglese venduta all'asta è una delle più note di Banksy. Attraverso relativi bonus, il prezzo è salito fino a più di un milione di sterline (1,18 milioni di euro). Attraverso un video diffuso su Instagram l'artista fa sapere il meccanismo con cui ha ridotto letteralmente a brandelli la sua stessa prestigiosa opera. Scivolata fuori dal fondo del quadro a terra in tante piccole striscioline. Quel tizio somiglia sinistramente al Robin Gunningham che gli studiosi della Queen Mary University di Londra hanno identificato come Bansky.

La tempestività di questa autodistruzione ha lasciato tutti sbigottiti ed alimenta ulteriormente le voci sulla vera identità dell'artista. Questo è un vero mistero.

Il pubblico e gli organizzatori sono rimasti allibiti e allo stesso tempo divertiti da un episodio che solo Banksy poteva mettere in scena, confermando la sua contrarietà nei confronti della commercializzazione della sua arte. Banksy ha pubblicato su Instagram l'immagine dell'opera semi-triturata e scrivendo "Going, going, gone.". Si legge sul sito di Sotheby's: "sembra che siamo stati 'banskizzati' ha detto il capo del settore arte contemporanea della galleria londinese, Alex Branczik". "Non ci è mai capitata una situazione simile in passato... dove un quadro si distrugge spontaneamente dopo aver raggiunto un quasi record per l'artista".

Di solito infatti, quando un'opera viene danneggiata mentre è alle cure della casa d'asta, l'acquirente può cancellare l'offerta. La prima rappresentazione del soggetto risale al 2002; la tela, autenticata da una società specializzata che lavora per Banksy, è stata invece comprata direttamente dal venditore nel 2006. In merito alla vicenda, alcuni esperti hanno persino ipotizzato che, considerato il clamore venuto a crearsi intorno a questo caso, l'opera semidistrutta potrebbe ora aumentare il suo valore. Aveva firma e dedica sul retro e "cornice fatta dall'artista". L'artista era presente all'asta?