Papa Francesco atterra a Palermo,

Papa Francesco atterra a Palermo,

Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi, voi sapete che il sudario non ha tasche e non potete portare niente con voi.

"Don Pino non faceva appelli antimafia, seminava il bene", poi ribadisce il concetto: "Non si può credere in Dio ed essere mafiosi, convertitevi al vero Dio, Gesù Cristo". "Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte". E' il nuovo pressante appello di papa Francesco ai mafiosi affinché si convertano, lanciato dal Foro Italico di Palermo, nel viaggio siciliano sulle orme di don Pino Puglisi, il prete assassinato dalla mafia nel '93. "Papa Francesco incontra anche la città dell'accoglienza e della solidarietà, una città dove 'non vi sono migranti', dove tutti e ciascuno, ovunque siano nati e da dovunque provengano, sono e sono riconosciuti come persone, titolari di diritti umani; quella città che nel quotidiano fa proprio, quale che sia la religione professata, quali che siano la nazionalità o il colore della pelle, l'insegnamento evangelico 'scomodo e impegnativo' che ci vuole portatori di speranza e di solidarietà". Se la minaccia mafiosa è: "Tu me la pagherai", la preghiera cristiana è: "Signore, aiutami ad amare". Ci liberi dal pensare che tutto va bene se a me va bene. L'alternativa è chiara. "Cari fratelli e sorelle, oggi siamo chiamati a scegliere da che parte stare: vivere per sé o donare la vita".

Bergoglio, celebrando la messa, nel corso dell'omelia si rivolge ancora una volta ai mafiosi: "Chi non fa nulla per contrastare l'ingiustizia non è un uomo e una donna giusti". La sua sembrava una logica perdente, mentre pareva vincente la logica del portafoglio. Ci liberi dal crederci buoni solo perché non facciamo nulla di male. Più hai, più vuoi: è una brutta dipendenza. Chi si gonfia di cose scoppia. "Chi ama, invece, ritrova se stesso e scopre quanto è bello aiutare, servire; trova la gioia dentro e il sorriso fuori, come è stato per don Pino". È la luce dell'amore, del dono, del servizio. Agli altri la vita si dà, non si toglie.