Moto2, ritirata la licenza di velocità a Romano Fenati

Moto2, ritirata la licenza di velocità a Romano Fenati

"No - ha puntualizzato - siamo comunque molto amareggiati, questi ragazzi vengono seguiti da tantissimi giovani che li vedono come eroi e devono essere di esempio". Dopo aver perso tutto per quel folle gesto al Gp di San Marino ai danni di Stefano Manzi, oggi è arrivato il colpo di grazia alla carriera del giovane pilota italiano. Troppa ingiustizia. Ho sbagliato, è vero: chiedo scusa a tutti", si sfoga l'ex centauro che poi sul gesto che lo ha visto protagonista sottolinea: "Volete vedere il mio casco e la tuta? Questa mattina, a mente lucida, avrei voluto che fosse stato solo un brutto sogno. C'è una lunga striscia nera: la gomma di Manzi.

"Forse un vero uomo avrebbe mantenuto la calma, e a fine gara si sarebbe lamentato ufficialmente. Quello che so è che ho fatto una cavolata ma sono stato giudicato troppo pesantemente". Voglio scusarmi con tutti quelli che credevano in me e tutti quelli che sono sentiti feriti dalla mia azione - si legge nella nota - È uscita un'immagine di me e dello sport tutto, orribile. Le critiche sono corrette e comprendono l'astio nei miei confronti.

Lo spagnolo invoca una seconda e, se necessario, anche una terza opportunità, per Fenati, ma ne traccia anche un profilo di avversario leale e sportivo, che invita a non arrendersi neanche di fronte a questo momento nero. Io sono sempre sceso in pista per vincere, per essere Romano Fenati. "L'anno scorso sono stato uno dei pochissimi a non ricevere alcuna penalizzazione, non ho mai messo a repentaglio la vita di qualcun altro, anzi, ho sempre sostenuto che ci sono piloti pericolosi, in pista, per stile di guida". Finirò gli studi, mi manca solo l'ultimo anno.

"Ora avrò tempo per riflettere e schiarirmi le idee", conclude Fenati, rendendosi conto che in un attimo si è ritrovato a piedi. Una è quella che porta ad un Fenati rabbioso che riconosce l'errore ma che pensa di essere stato provocato, e l'altra il Fenati che riconosce l'errore e basta.