Moto2, Fenati: "Chiedo scusa, non sono stato un uomo"

Moto2, Fenati:

Romano Fenati salterà i prossimi due gran premi della classe Moto2.

Nel corso della gara i due piloti hanno corso fianco a fianco per alcuni giri attorno alla decima posizione, scontrandosi in almeno due occasioni. Lui (Stefano Manzi, ndr) era davanti a me, poi l'ho superato - aveva detto il pilota dopo la gara -.

Anche l'ex mentore di Fenati, Valentino Rossi, ha commentato l'incidente: "È difficile vedere cosa ha fatto Fenati". Non lo faremo sul piano umano, semplicemente perché non lo merita (e fidatevi che è così).

Il freno della moto avversaria tirato in corsa a oltre 200 chilometri orari.

Non c'è pace per Romano Fenati.

Fenati non è nuovo alla totale assensa di sportività: nel 2016 conquista la vittoria al GP delle Americhe ma alla vigilia del GP d'Austria viene sospeso "a seguito di reiterati comportamenti non in linea con le normali regole da osservare all'interno di un Team". Una strada che intende percorrere anche la MV Agusta che aveva reclutato il marchigiano per il 2019. Sono le parole del patron di Mv Augusta, Giovanni Castiglioni, in un post su Instagram che di fatto chiude la porta alla futura avventura di Romano Fenati in MV Agusta, pronta al ritorno nel Motomondiale.

"Questa è stata la cosa peggiore e più triste che abbia mai visto in una gara motociclistica. Non possiamo accettare un comportamento di questo genere da un nostro futuro pilota".

Fenati tenta di difendere la sua carriera e la sua onestà nello sport. Ciò che mi rattrista - aggiunge la mamma di Fenati - è il fatto che ci siano arrivate delle minacce di morte. E lui, in un comunicato pubblicato sul suo sito e sui suoi canali social, ha chiesto scusa.

"Chiedo scusa a tutti, soprattutto ai bambini".

"Forse un vero uomo avrebbe mantenuto la calma, e a fine gara si sarebbe lamentato ufficialmente". Se fossi Dorna, lo escluderei completamente dal mondo delle corse. È uscita un'immagine di me e dello sport tutto, orribile. Io sono sempre sceso in pista per vincere. "Con rammarico dobbiamo constatare che il suo gesto irresponsabile ha messo in pericolo la vita di un altro pilota e non può essere scusato in alcun modo". Non voglio giustificarmi so bene che il mio gesto non è giustificabile, voglio solo scusarmi con tutti.