Moscovici: "L’Italia è un problema nella zona euro"

Moscovici:

Così il ministro Luigi Di Maio replica alle parole del Commissario Ue agli affari economici Pierre Moscovici che ha sostenuto come l'Italia sia un problema per la zona euro.

"L'Italia èun problema nell'eurozona".

Il commissario ha poi lanciato un appello in vista della prossima legge di bilancio: "L'Italia deve essere credibile, con un bilancio credibile": ha detto.

Nei giorni scorsi le rassicurazioni del ministro dell'Economia, Giovanni Tria, avevano rasserenato i rapporti tra Bruxelles e Roma.

"Sarebbe una bugia pensare che si possa investire di più con un deficit più elevato".

Ma al di là delle dichiarazioni economiche a scatenare la polemica sono state alcune riflessioni politiche del commissario sull'avanzata dei populisti: "Oggi c'è un clima che assomiglia molto agli anni '30. Certo, non dobbiamo esagerare, chiaramente non c'è Hitler, forse dei piccoli Mussolini.": ha detto il commissario europeo, esprimendo preoccupazione.

Di Maio ha anche incontrato il commissario al bilancio Ue, Günther Oettinger, al quale - ha precisato - ha "ribadito che la posizione dell'Italia sul veto alla prossima programmazione non cambia". "La storia, come diceva Raymond Aron, è tragica, bisogna evitare che sprofondi nelle sue ore più buie", ha continuato il responsabile Ue, sottolineando tuttavia che, almeno nelle prossime europee, i populisti non conquisteranno la schiacciante maggioranza dell'Assemblea Ue, ma otterranno comunque una "forte progressione".

"L'Italia è il tema su cui voglio concentrarmi prima di tutto", ha dichiarato Moscovici, chiedendo al governo italiano "un bilancio credibile" per il prossimo anno e ulteriori riforme. "Dall'alto della loro Commissione si permettono di dire che in Italia ci sono tanti piccoli Mussolini".