Milioni in fuga negli Stati Uniti. "Evacuate, l'uragano sarà devastante"

Milioni in fuga negli Stati Uniti.

Il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza per la Carolina del Sud e del Nord.

Intanto, circa 1'200 voli programmati per giovedì e venerdì sono già stati cancellati in vista dell'arrivo dell'uragano.

L'uragano Florence è vicino alla costa est degli Usa e fa ogni ora più paura. "Il mio team mi ha appena informato che questa è una delle peggiori tempeste che abbiano colpito la costa orientale negli ultimi anni", ha twittato ieri sera il capo della Casa Bianca, aggiungendo: "Per favore, preparatevi, state attenti e state al sicuro". In questo video diffuso dalla Nasa si vede chiaramente l'impressionante occhio del ciclone.

Il conto alla rovescia negli Stati Uniti è iniziato: sta per arrivare sulla terraferma Florence, l'uragano di categoria 4 su 5 che tra poche ore sferzerà South Carolina, North Carolina e Virginia costringendo un milione di persone ad abbandonare le proprie case. Più che i venti, le autorità temono le inondazioni causate dalle precipitazioni che accompagnano il fenomeno. L'obiettivo è poter avere a disposizione le risorse per prepararsi ad affrontare l'imminente situazione di pericolo.

Attualmente Florence ha raggiunto forza 4 su 5, con venti a 209 km orari, ma potrebbe intensificarsi nuovamente prima di raggiungere gli Stati Uniti.

Da giorni le autorità hanno messo in moto un enorme piano di evacuazione, che ha coinvolto un milione e mezzo di persone. Secondo quanto previsto dal Centro Nazionale Uragani degli Stati Uniti, Florence dovrebbe raggiungere la terra ferma fra due giorni, giovedì 13 settembre, e dopo aver "colpito" il North Carolina, si spingerà verso nord, perdendo potenza. Milioni di residenti locali si stanno attivamente preparando per l'impatto degli elementi. Da oggi, chiuse le scuole e alcuni uffici pubblici, e nel contempo verranno soppresse alcune tratte autostradali per permettere il passaggio dei mezzi di soccorso.