Milan, Gattuso: "Più forti del Dudelange, ma occhio ai miracoli sportivi"

Milan, Gattuso:

Noi rispettiamo l'avversario, non siamo venuti a fare una passeggiata. "Sanno quel che devono fare, l'allenatore è preparato e non danno mai la palla per persa perché attaccano bene la profondità". Lo stadio non ci interessa. Noi non dobbiamo avere nessun alibi. Abbiamo due gambe e due braccia come loro. Lui ci sta dando tantissimo e non solo a livello calcistico, ma anche in quanto a leadership e carisma. Gli altri giocatori sono rimasti a casa perché devono fare un lavoro sulla velocità. Musacchio è fermo da due giorni. Sei rimasto l'anno scorso. Capitolo attaccanti. "Higuain è quello che tocca più palloni dopo Biglia". Forse volevi dire che negli ultimi 16 metri non troviamo l'attaccante, quello dobbiamo migliorarlo.

Ancora sulla possibilità di sottovalutare l'impegno: "C'è poco da dire".

"Quando si indossa una maglia come il Milan e si gioca contro il Dudelange, c'è tutto da perdere". Per alcuni è un sogno giocare partite così con la maglia del Milan e noi dobbiamo interpretarla bene e fare il nostro calcio, con rispetto per gli avversari. Non andiamo alla ricerca di alibi. "Dobbiamo avere grande mentalità e grande voglia". "Se vuoi accendere l'interruttore 10 minuti prima della partita, farai molta fatica". "E' un grandissimo campione, tutti i giorni si allena con entusiasmo". Certi movimenti sono nuovi per alcuni giocatori. "Dobbiamo muoverci da squadra".

Gara giusta per cancellare i 20 minuti di Cagliari?

Quei 20' rimangono perché a livello di reparti abbiamo commesso degli errori dei quali abbiamo parlato. Li abbiamo analizzati e parlato tutti insieme. Non siamo costanti nel proporre il nostro buon calcio. Lasciamo troppo per strada. "Per il resto è stata una scelta da parte mia e del mio staff". Un po' di personalità e paura bisogna metterla da parte.

Ci può fare un bollettino dei giocatori non convocati?

Perché non avete svolto la rifinitura in Lussemburgo? Si gioca ogni tre giorni. Mai ci alleniamo in Europa. Bisogna già preparare prima la partita e noi l'abbiamo preparata bene. "Senza mancare di rispetto con nessuno, preferiamo fare così, ma non da ora, bensì da qualche anno".

Farà turnover? "Sicuramente cambieremo qualcosa". Ci sono in palio tre punti importanti. "Dobbiamo vincere la partita e portare i tre punti a casa".

Sui giovani, in particolare su Alen Halilovic: "E' convocato, domani vediamo se sarà titolare o meno".