Juventus, Ronaldo-Mandzukic: i soci del gol

Juventus, Ronaldo-Mandzukic: i soci del gol

Sebbene sia difficile definire un assist quello di Ronaldo, SuperMario vuole ricambaire il favore: CR7 non è certo in crisi per il fatto di non aver segnato, ma Mandzukic conosce quella sensazione che qualsiasi attaccante prova quando non segna da tre partite, nelle quali - oltretutto - si è attesi da mezzo mondo. Così Ronaldo a Sky Sport, dopo la doppietta al Sassuolo, che ha regalato la vittoria per 2-1 alla Juventus. Tanto rumore per nulla, viene da dire, perché non c'erano dubbi che il gran giorno sarebbe arrivato a breve, anzi brevissimo, dopo le leggere e impreviste difficoltà delle prime giornate. Contro Chievo, Lazio e Parma il pallone non è voluto entrare, ma la professionalità di Cristiano, rimasto a lavorare a Torino durante la sosta chiedendo di non essere convocato in Nazionale, è stata premiata al quarto appuntamento.

Questo il tempo che è passato dal suo esordio fino al primo gol in maglia bianconera. Ansia scacciata dal sorriso liberatorio dopo la prima rete, facile facile, ma capace di scatenare la standing ovation di tutto lo stadio, prima del bel sinistro incrociato del raddoppio. "Avevo voglia di segnare, sono contento". Nessun coro, al punto che intorno al 20' Cristiano Ronaldo ha tentato di scuotere il pubblico richiedendo espressamente un applauso per lui e per i compagni. L'allenatore del Sassuolo ha anche spiegato che "la Juventus ha un grande pregio, non sai mai come gioca".