Ciclismo, Vogel choc: non cammino più

Ciclismo, Vogel choc: non cammino più

Ora Kristina Vogel, due volte campionessa olimpica di pistard, parla per la prima volta dopo quel drammatico episodio e lo fa annunciando quanto già emerso nei mesi scorsi (la federazione ciclistica tedesca aveva dichiarato che l'atleta aveva subito un infortunio alla colonna vertebrale) quando era stata sottoposta anche a un intervento chirurgico, rimanendo in terapia intensiva in ospedale a Berlino per circa un mese: l'impatto a circa 60 km/h sulla pista di cemento ha provocato la recisione del midollo spinale all'altezza della setta vertebra toracica, rendendola paraplegica. Durante una sessione di allenamento, al velodromo di Cottbus, la Vogel si era infatti scontrata con un altro ciclista entrato improvvisamente in pista. Sempre più consapevole della sua situazione, la giovane 27enne cerca le parole da dire a Antje Windmann, che per la rivista settimanale tedesca Der Spiegel, l'ha intervistata. A se stessa, ha confessato la campionessa, ripete: "Ok, questa adesso è la situazione, ora sta a me vedere come andare avanti e come fronteggiarla".

"E' uno schifo, non c'è altro modo di esprimerlo, non importa come lo dico: non posso camminare", ha spiegato. "Ma cosa dovrei fare?" Dentro di sè ha la chiarezza che prima riesce ad accettare la nuova situazione e prima riuscirà ad affrontarla. "Non so se voglio tornare un giorno all'attività agonistica e, eventualmente, in quale disciplina".

Il mondo dello sport tedesco è sotto shock per le condizioni di salute di Kristina Vogel: ventisettenne campionessa olimpica di ciclismo di velocità, iridata a Londra 2012 e Rio 2016.