Serie B, Tommasi: 'Chiediamo di rinviare i primi due turni'

Serie B, Tommasi: 'Chiediamo di rinviare i primi due turni'

"Le squadra di Lega B prossimamente potrebbero trovarsi in Lega A o Lega C e poter subire la stessa decisione". Con queste parole si è espresso Damiano Tommasi, presidente dell'Associazione italiana calciatori, al termine dell'incontro con i capitani e rappresentanti dei 19 club della Serie BKT e delle sei società che ambiscono al ripescaggio nel campionato cadetto. Tra l'altro lo stesso Antonello Valentini, ex Direttore Figc, fa notare che "nelle gestioni ordinarie dei presidenti Matarrese, Nizzola, Carraro, Abete e Tavecchio e nei quattro periodi Commissariali affidati a Pagnozzi, Petrucci, Guido Rossi e Pancalli, i Comunicati ufficiali della Federcalcio - quelli che "fanno legge" e hanno carattere pubblico sotto tutti i punti di vista - sono sempre stati emessi a doppia firma: quella del Presidente o del Commissario in carica e quella di ratifica del Segretario federale". Riteniamo comunque che sarebbe opportuno rinviare le due partite e aspettare il Collegio di Garanzia del Coni. Una situazione che rende questo campionato in procinto di essere rinviato nuovamente.

Continua duro: "È stato condiviso un comportamento gravissimo nei confronti dei calciatori da parte della Lega e delle società, che si è verificato in questi giorni e che ovviamente faremo presente in sede legale".

Il Presidente della Lega B non fa sconti: "Credo che il campionato debba partire". "No, ci sentiremo e l'auspicio è che si possa tornare a parlare con loro con serenità. In questo momento non saprei rispondere", dice.

Tommasi si affretta subito a chiarire che "circolari" del genere non hanno alcun valore: "Il diritto di sciopero è individuale e sancito dalla Costituzione". Siamo arrivati al 13 agosto con 19 squadre regolarmente iscritte e dovevamo far seguito ai diritti di queste squadre. Il braccio di ferro rimane, più forte che mai. Chissà se Fabbricini farà altrettanto?