Questa sera, Marte alla distanza minima dalla Terra: non capitava dal 2003

Questa sera, Marte alla distanza minima dalla Terra: non capitava dal 2003

Dall'ultima volta che è successo, sono passati quindici anni, e perché torni ad avvicinarsi alla Terra, bisognerà attendere il 6 ottobre 2020.

Marte sarà ben visibile nel cielo dal tramonto: per individuarlo, basterà volgere lo sguardo verso sud-est, poco sotto la Luna, nella costellazione del Capricorno.

Il punto di Marte più vicino alla Terra verrà raggiunto attorno alla mezzanotte tra il 31 luglio ed il 1° agosto, quando si verrà a trovare esattamente a circa 57.590.630 chilometri. Dopo la scoperta, in gran parte made in Italy, che nel sottosuolo di Marte c'è un lago di acqua salata, possibile habitat di vita aliena, il pianeta rosso è osservato speciale. Poi, a partire da metà agosto, la sua luminosità inizierà a essere più debole.

L'avvicinamento alla Terra è un appuntamento che si ripete all'incirca ogni 26 mesi. Dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra e vicino a noi, sarà completamente illuminato dalla nostra stella, come accade per la luna piena. Nel 2003 Marte si era avvicinato sino a 56,3 milioni di chilometri dalla Terra, la minore distanza in 60.000 anni. "La Nasa nei giorni scorsi ha ad esempio potuto scattare alcune immagini straordinarie, che mostrano una tempesta di sabbia globale che copre molti dettagli della superficie marziana".

La tv della Nasa, per l'occasione, organizza una diretta online dalle ore 19 fino alle 22:30 per godere dello spettacolo, attraverso l'Osservatorio Griffith a Los Angeles.

Marte continua a far parlare di sé. Ad ogni incontro la distanza tra i due pianeti varia, la traiettoria è infatti disturbata anche dall'attrazione gravitazionale esercitata da Giove.

"Avendo un'orbita ellittica, Marte si trova periodicamente a una distanza minima e una massima dalla Terra, che non sono sempre le stesse", ha spiegato all'ANSA Silvia Casu, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf)-Osservatorio Astronomico di Capodimonte. Stati attenti, perciò, alle fake news che stanno girando in rete: "non è vero che il 31 luglio Marte apparirà grande come la Luna", precisa la Nasa.