Morto Jimmy il Fenomeno, caratterista dei B movie italiani

Morto Jimmy il Fenomeno, caratterista dei B movie italiani

All'età di 86 anni è morto Jimmy il Fenomeno, all'anagrafe Luigi Origene Soffrano, attore e caratterista italiano. Non a caso il suo nome compare nel cast di film di straordinario successo come Il federale di Luciano Salce, Il medico della mutua di Luigi Zampa, L'esorciccio di Ciccio Ingrassia, La dottoressa del distretto militare di Nando Cicero, Squadra antitruffa di Bruno Corbucci, I fichissimi di Carlo Vanzina. Tanti anche i passaggi televisivi, con la partecipazione allo show televisivo ideato da Antonio Ricci "Drive In", in cui faceva da spalla a Ezio Greggio.

La sua carriera lunga 50 anni l'ha visto impegnato in oltre 150 film, partendo da quelli interpretati da Totò e Aldo Fabrizi per arrivare alla commedia sexy all'italiana degli anni settanta con Alvaro Vitali e Lino Banfi. Mascotte per il mondo del calcio, spesso lo si è visto in Lega o in Federazione pur non essendo un addetto ai lavori perché era considerato un portafortuna da presidenti, procuratori e impiegati vari del mondo del pallone, che trovavano la sua presenza esilarante. A metà degli anni 90 ha lasciato Roma per trasferirsi a Milano e poi, nel 2003, costretto a muoversi su una sedia a rotelle, è andato a vivere nella residenza per anziani "La casa per coniugi". I funerali si terranno domani a Milano alle 11.

Nel 2010 'Jimmy il Fenomeno' aveva lanciato un appello per ottenere il sussidio della Legge Bacchelli, il vitalizio a favore dei personaggi illustri dell'arte, della cultura e della scienza italiana caduti in disgrazia.