Decreto dignità approvato della Camera. Dalle assunzioni alle slot: le novità

Decreto dignità approvato della Camera. Dalle assunzioni alle slot: le novità

Il testo del disegno di legge di conversione del Decreto Dignità passa quindi l'esame della Camera con 312 voti favorevoli, 192 no e 1 astenuto.

Riportiamo infine il testo del Decreto Dignità con le modifiche approvate dalla Camera e così come recepito dal Senato, che ora dovrebbe passare alla sua definitiva approvazione.

"Approvato il #DecretoDignità alla Camera, un primo importante passo in avanti per la lotta al precariato, il contrasto all'azzardo e la semplificazione fiscale". "Abbiamo vinto il primo round, ce l'abbiamo fatta, e senza la fiducia"ha sottolineato dopo il voto e dopo aver dato atto all'opposizione, nel corso dei lavori, della correttezza nella discussione".

Non c'è nulla di ideologico nelle parole dei datori di lavoro, quando dicono che in uno scenario economico globale ancora molto incerto (e con la delicatissima partita della Guerra dei Dazi, che non si capisce ancora quanti effetti negativi produrrà, come ha ben scritto Roberto Antonietti su queste colonne), l'irrigidimento delle regole sul mercato del lavoro sarà un problema per le imprese e un boomerang per i lavoratori.

SANZIONI PIU' PESANTI SU PUBBLICITA' GIOCHI Via libera all'aumento delle sanzioni per chi viola i divieti sulla pubblicità dei giochi o sulle sponsorizzazioni. Dall'entrata in vigore della legge al 31 ottobre rimarranno in vigore le vecchie regole. La stima è calcolata sulle assunzioni dei primi 5 mesi del 2018, nella fascia d'eta' 30-35 anni (circa 11.300), con un esonero contributivo in media di 2.650 euro.

PIU' ASSUNTI A CENTRI IMPIEGO: le Regioni dovranno dedicare una quota delle loro nuove assunzioni a rafforzare gli organici CONTRATTI A TERMINE PIU' CORTI E COSTOSI, TORNANO CASUALI: massimo 24 mesi per il tempo determinato, dopo i primi 12 vanno indicate le causali, senza il contratto diventa automaticamente stabile. Il dl prevede a riguardo un periodo transitorio fino al 31 ottobre, con le nuove norme che di conseguenza non saranno applicabili prima di novembre.

VoucherAnche le piccole strutture ricettive turistiche (fino a 8 dipendenti al posto di 5) possono fare ricorso ai nuovi voucher, la cui durata massima è di 10 giorni (non più 3). Come già previsto potranno essere utilizzati come forma di pagamento per il lavoro di pensionati, disoccupati, studenti fino a 25 anni e percettori di forme di sostegno al reddito.

INDENNITA' DI CONCILIAZIONE FINO A 27 MESI Sale da un minimo di 3 ad un massimo di 27 mensilità (rispettivamente da 2 a 18 mensilità) l'indennità da corrispondere al lavoratore ingiustamente licenziato in caso di conciliazione con l'azienda. Gli aumenti dei contributi per i rinnovi dei contratti a tempo determinato "non si applicano ai contratti di lavoro domestico". Semplificato l'utilizzo per l'agricoltura. Salvi i contratti in essere per non più di un anno.

SCUOLA REGOLARE CON MAESTRE DIPLOMATE - Le maestre con diploma magistrale ante 2001-2002 potranno comunque insegnare, a dispetto dello stop arrivato dal Consiglio di Stato.

Spesometro e split paymentLo Stato non tratterrà direttamente l'Iva applicata dai professionisti che collaborano con la Pa e i termini per gli annunci dello spesometro slitta a fine febbraio dal termine attuale, previsto a fine settembre. Il calo del gettito è coperto sempre dal rincaro del Preu sui giochi e da fondi Mise e Mef. L'obbligo per i benzinai di ricorrere alla fattura elettronica è stato posticipato al primo gennaio 2019.

COMPENSAZIONE CREDITI-DEBITI ANCHE QUEST'ANNO - Con un emendamento a firma Baldelli (FI), è stata concessa a imprese e professionisti la possibilità anche nel 2018 di compensare le cartelle esattoriali con i crediti fiscali con la PA.

SALTA TETTO 36 MESI PER PRECARI SCUOLA Viene abrogata la norma che prevede la scadenza delle collaborazioni per i precari della scuola (docenti, non docenti, amministrativi e tecnici) che superano i 36 mesi.