De Laurentiis: "Bari ambizioso con Sacchi e Galli"

De Laurentiis:

Sto consegnando al presidente un pezzo importante della comunità barese. Per me custodire storia e passione è stata una grande responsabilità. Due anni in Serie C, che mi hanno aiutato molto. Abbiamo cercato su internet, sembrava forte dal punto di vista economico ma la documentazione era carente. Ero in ritiro a Dimaro, quando mi si presentò questa possibilità. Vogliamo una cavalcata rapida per provare a tornare in Serie A. Penso che litigheremo spesso (sorride), è una persona vera e spontanea, ho avuto diverse liti con lui. "Ho avanzato delle richieste specifiche e ci siamo confrontati". Gli ho spiegato che non posso fare una commistione tra Bari e Napoli e per questo ho convinto mio figlio Luigi a interessarsi del Bari per togliere il dubbio di una mia preferenza per il Napoli sul Bari. Siamo soci con i tifosi. "Non ha alcun rispetto per la nostra storia" il tenore dei messaggi che circolano in queste ore. Bianco e rosso sono colori del sangue e della guerriglia: "il film giusto per il mio Bari è "Il Gladiatore".

L'ufficialità - La notizia del nuovo assetto proprietario è arrivata ieri sera. Ho scelto Aurelio De Laurentiis e l'ho fatto per tutti questi fattori che ho elencato prima. Il responsabile del settore giovanile sarà Filippo Galli. Molto dipenderà dalla categoria: C o D, in questo caso, fa differenza.

Lucida follia studiata insieme a Mattia Grassani, il suo legale, che da un paio di settimane ci sta lavorando muovendosi tra Comune, Palazzo di Città, sede le Comitato regionale della Figc. Sul campionato scorso: "Se penso alla passata stagione mi tornano i malumori". Molti anni belli e altri meno belli. Bisogna sapere valutare i rischi e mettere mano alla tasca. De Laurentiis secondo Decaro vorrà "istituire un vero e prorpio polo calcistico del Sud Italia". Vogliamo lavorare sulle regole che non permettono di avere due squadre in A con la stessa proprietà.

"In Lega per vent'anni non siamo stati capaci di darci uno statuto corretto". Aurelio De Laurentiis ci ha messo poco a fugare ogni dubbio.