Alessio Figalli ha vinto la Medaglia Fields, il Nobel della matematica

Alessio Figalli ha vinto la Medaglia Fields, il Nobel della matematica

Alessio Figalli ha vinto la Medaglia Fields, considerata l'equivalente del premio Nobel per la Matematica.

La Medaglia Fields, che porta con sé un premio da quindicimila dollari canadesi, è stata istruita nel 1936 ed è assegnato ai matematici che non abbiano superato l'età di 40 anni. A comunicare i nomi dei vincitori dell'edizione 2018 è il Congresso Mondiale dei Matematici che si apre a Rio de Janeiro, a partire dalla 13.30 italiane. "Personalmente provo una profonda soddisfazione che mi motiva ancora di più̀ a lavorare nella ricerca di altissimo livello - ha detto Figalli -".

Figalli, nato a Roma il 2 aprile 1984, ha studiato nel nostro Paese, prima in un liceo classico di Roma (il Vivona, zona Eur) e poi alla Normale di Pisa. Tutto è nato nel 2002 quando è stato ammesso alla Scuola Normale di Pisa, dove si è laureato in meno di quattro anni, contro i cinque previsti dal piano di studio, seguito da Luigi Ambrosio, docente di Analisi matematica, con il quale ha conseguito il dottorato di ricerca nell'ottobre 2007, in un solo anno, svolgendo il secondo semestre del corso di perfezionamento presso l'École Normale Supérieure di Lione.

I teoremi di Figalli affrontano una moltitudine di problemi - alcuni connessi al trasporto ottimale, su cui ha scritto la tesi di dottorato, altri alla 'frontiera libera', il campo di studi a cui più si sta dedicando negli ultimi anni - e non si limitano a essere risultati teorici: hanno applicazioni ingegneristiche e fisiche, e permettono una maggiore comprensione di fenomeni naturali come le bolle di sapone, la meteorologia e la formazione delle nuvole. Dopo un anno approda alla University of Texas di Austin, dove in soli due anni diventa professore ordinario e si appassiona alle equazioni derivate parziali, un altro dei temi per cui è stato premiato. La medaglia Fields è il coronamento di una serie di importanti riconoscimenti scientifici, come quello della Società Europea di Matematica (2012), la Stampacchia Gold Medal (2015), l'O'Donnel Award in Science conferito dall'Accademia di Medicina, Ingegneria e Scienza del Texas (2016), il Premio Feltrinelli Giovani dell'Accademia dei Lincei (2017).

Un ambasciatore per la matematica: così il presidente del Politecnico di Zurigo, Lino Guzzella, ha definito Alessio Figalli. Alessio Figalli è giovanissimo ma ha al suo attivo 140 pubblicazioni. "Sono convinto che sia una personalità importante non solo per il nostro insegnamento e la nostra ricerca al Politecnico di Zurigo, ma anche per la Svizzera come piattaforma di ricerca". Figalli, che insegna all'ETH di Zurigo, è il secondo italiano ad avere ottenuto l'importante riconoscimento.