Verstappen: "Red Bull cresciuta, valutiamo gara per gara"

Verstappen:

L'australiano si augura che domani le cose possano girare per il verso giusto, anche perché i "bibitari" altro non possono fare che puntare su una strategia aggressiva. Se Verstappen è questo qui, quello costante, quello preciso in qualifica, quello che sta fuori dai guai al via, quello che sa gestire le gomme, quello che non si scompone e va via come un treno, allora siamo tutti d'accordo.

Il Gp Austria era quello di casa per la Red Bull eppure il tracciato dello Spielberg ha sempre rappresentato grossi problemi ai torelli che, su una pista dove il propulsore conta e non poco, hanno sempre sofferto il ritardo della Renault rispetto a Mercedes e Ferrari. "Credo che non siamo nella posizione di rimontare, saremo molto competitive in tante piste ma non in tutte". Ma il contrario sarebbe noioso.

Max Verstappen: "E' stata una vittoria in parte inattesa ma bella". Poi c'è stato il problema di Bottas e dopo è stato tutto nella buona gestione delle gomme. Le Ferrari si sono avvicinate molto nel finale ma siamo riusciti a tenere duro. "Se sono presenti pochi rettilinei, per esempio, siamo i migliori a livello di telaio, ma se ci sono molti tratti veloci facciamo fatica". "Sulla carta non dovremmo essere super-competitivi, ma sono convinto che saremo lì vicino agli altri, pronti a dare battaglia".

Nella seconda sessione di prove libere i risultati della Red Bull sono stati deludenti a causa dell'errore dell'olandese Verstappen che entrato in pista con le Pirelli Ice Blue (come le ha chiamate Mario Isola), nonché con la mescola più dura a disposizione per questo gran premio, dopo soli due giri (non cronometrati) è andato a muro in curva 7, mettendo così fine alla sua giornata di prove libere, danneggiando nello stesso tempo la sospensione posteriore destra nel forte impatto. Mi aspetto invece un weekend difficile a Silverstone, soprattutto per le curve. Mi viene in mente una curva come la Copse, che ormai possiamo affrontare senza pensare al freno. Non so cosa accadrà in futuro, ma sono sicuro che dietro di me c'è la miglior squadra di strateghi.