Trionfo Ferrari a Silverstone: Vettel davanti a Hamilton, poi Raikkonen

Trionfo Ferrari a Silverstone: Vettel davanti a Hamilton, poi Raikkonen

Lewis Hamilton sperava di poter trionfare ancora una volta di fronte al suo pubblico e invece si è dovuto accontentare del secondo posto.

Un modo per spegnere le polemiche eccessive scatenate dalla sua reazione nel post gara e per proiettarsi già verso il prossimo appuntamento in programma, il Gran Premio di Germania che si correrà ad Hockenheim tra due settimane. "Non è stato semplice, credo di averlo sorpreso".

Vettel ed il muretto Ferrari a quel punto hanno optato per un rischioso Pit che rimetteva il tedesco alle spalle di Bottas.

Anche la moglie di Kimi Raikkonen Minttu, solitamente defilata, ha voluto dire la sua sull'incidente che nelle fasi iniziali del GP dell'Inghilterra ha visto protagonisti il pilota Ferrari e Lewis Hamilton. Dopo essere andato direttamente al retro podio senza fermarsi ai microfoni di Martin Brundle, Hamilton ha parlato sul podio. Poi ho lottato, non ho mollato e mai mollerò. Mi spiace non aver potuto regalare loro una vittoria. "Ero preoccupato all'inizio della gara, ma il collo è guarito".

"Il team ha fatto un lavoro fantastico, abbiamo avuto tanta pressione, ma anche tanto sostegno", ha aggiunto Hamilton, prima di lanciare una frecciatina alla concorrenza, lasciando intendere, forse, che la manovra di Raikkonen fosse volontaria: "Ci sono stati degli stratagemmi interessanti da parte degli altri, ma noi abbiamo cercato di lottare e lo faremo anche nella prossima gara".

Racconta Bruno Giacomelli: "Io non ne ricordo il valore preciso, ricordo però che Elio De Angelis una volta mi disse che su un curvone veloce aveva degli annebbiamenti alla vista". La penalità? L'errore è stato mio, va bene così, me la meritavo.

Appena dietro ai migliori è giunta la seconda Freccia d'Argento condotta da Valtteri Bottas, che fino a cinque giri dal termine era riuscito a tenere il primo posto.