Thailandia, salvati tutti i ragazzi e l'allenatore

Thailandia, salvati tutti i ragazzi e l'allenatore

Il secondo ragazzo del gruppo soccorso oggi è uscito poco fa dalla grotta di Tham Luang, in Thailandia.

L'operazione di recupero è conclusa: in salvo anche l'allenatore.

L'allenatore 25enne avrebbero già superato la difficile parte subacquea del percorso e sarebbe diretto verso l'imboccatura della grotta. L'operazione, quindi, parrebbe destinata a concludersi in anticipo e con successo.

Intanto vari elicotteri continuano a coprire la tratta tra il campo base all'esterno delle grotte di Tham Luang e l'ospedale di Chiang Rai per trasportare medici e probabilmente uno dei ragazzi usciti dalla grotta.

Mae Sai - E' finito ufficialmente l'incubo dei Cinghiali, la squadra di calcio composta da dodici giovani atleti e il loro allenatore, rimasti bloccati all'interno della grotta Tham Luang, in Thailandia. Lo riferisce il Guardian citando fonti tra i soccorritori.

Oggi dovrebbero uscire tutti - Stando a quanto riportato dal Guardian l'obiettivo dei soccorsi è quello di liberare tutti gli imprigionati. E festeggia anche il resto del mondo, tra cui molti calciatori e lo stesso Manchester United, che ha invitato i ragazzi salvati (molti dei quali tifano per i Red Devils) a visitare il suo stadio la prossima stagione. L'imprenditore e Ceo di Tesla non è però arrivato a mani vuote: si è infatti presentato con un mini-sommergibile, che però le autorità hanno gentilmente rifiutato: "Sebbene tecnologicamente avanzato ed efficiente non è abbastanza pratico per questo tipo di missione", ha spiegato l'ex-governatore. I loro genitori hanno potuto vederli ma solo attraverso un vetro. Operazioni che sono riprese lunedì mattina con un nuovo salvataggio, dopo la messa in salvo domenica dei primi quattro ragazzini. Uno di essi ha anche un'infezione alla gola - riferisce il Bangkok Post - e un altro una ferita alla caviglia. "Finalmente festeggeremo assieme", hanno scritto i navy seal thailandesi sulla loro pagina Facebook.