Taranto, sequestrate 16 tonnellate di surgelati scaduti

Taranto, sequestrate 16 tonnellate di surgelati scaduti

All'interno del deposito, infatti, i militari hanno rinvenuto un ingente quantitativo di prodotti alimentari la cui scadenza, a volte superata anche da alcuni anni, era stata modificata mediante l'applicazione di etichette contraffatte.

A Bologna, nel corso di un'attività di vigilanza sul rispetto delle norme sulla sicurezza e sulla contraffazione degli alimenti e delle bevande, i Nas hanno segnalato all'Autorità Giudiziaria il legale responsabile di un supermercato, accusato di aver detenuto in cattivo stato di conservazione dell'acqua in bottiglia, destinata alla vendita. Sono state sequestrate 3600 bottiglie per un valore circa di 1300 euro.

Nelle settimane precedenti i NAS hanno sequestrato anche oltre 100 tonnellate di cibo bio irregolare, 1.500 confezioni di alimenti non idonei alla commercializzazione, nell'etichettatura, per la tracciabilità e per ragioni igieniche e di scadenza. Queste erano state stoccate nel piazzale del magazzino ed esposte pericolosamente ai raggi del sole. La scienza ormai ha più volte sottolineato come esporre l'acqua in bottiglia alla luce possa portare al rilascio di sostanze decisamente nocive per la salute. L'amministratore della società è stato giustamente denunciato per tentata frode in commercio. I Nas che hanno operato nell'ambito della tutela della salute dei cittadini, sono intervenuti in un deposito di surgelati di Taranto ed hanno scoperto che la scadenza dei prodotti era stata falsificata dall'azienda che rivende surgelati all'ingrosso. Inoltre sono stati scoperti diversi prodotti in stato di cattiva conservazione e con scarsa igiene sanitaria. L'attività commerciale è stata sospesa per molteplici e gravi violazioni di carattere penale e amministrativo.