Tagliati i vitalizi alla Camera, adesso tocca alle pensioni d’oro

Tagliati i vitalizi alla Camera, adesso tocca alle pensioni d’oro

La Camera ha approvato l'abolizione dei vitalizi dei parlamentari.

Stessa cifra per l'ex forzista sanseverese Vittorio Mundi, vice Segretario generale comunale, che tra le altre cose è il suocero della sorella dell'attuale portavoce penta stellata alla Camera Carla Giuliano. Insieme a lei anche il cantante Gino Paoli, e per entrambi la pensione dovrebbe passare dai 3.000 euro attuali, ai 1.000. Spicca anche l'ex governatore della Puglia Nichi Vendola, nonché l'ex presidente del consiglio Romano Prodi. "Questo provvedimento taglia 200 milioni di euro a legislatura".

I numeri per approvare la delibera del presidente della Camera Roberto Fico sul taglio dei vitalizi a quanto pare ci sono.

Sul provvedimento, pende il giudizio di legittimità costituzionale, visto che sono stati già annunciati una raffica di ricorsi da parte degli ex parlamentari. "Ora ci siamo, un sogno diventa realtà, bye bye vitalizi". I sì sono stati 11: 9 della maggioranza (M5s e Lega), uno del Pd e uno di Fratelli d'Italia. Un dato anagrafico che inquadra il "decadimento" dell'elenco dei 1.300 ex deputati dove sono compresi parecchi ottuagenari (e oltre), in un arco temporale non troppo lungo. Intanto anche il premier, Giuseppe Conte, si associa all'esultanza: "Bel segnale per il Paese", dice. Poi il ministro ha confermato il pugno duro su pensioni d'oro. A rimetterci, alla fine, saranno quindi sempre le tasche degli italiani. È un giorno di festa: finalmente vengono aboliti i vitalizi!

Via libera dall'ufficio di presidenza della Camera alla delibara sul taglio dei vitalizi. Non si tratta però di elenchi completi, come precisa l'associazione: "Il primo elenco comprende i titolari di vitalizio che hanno avuto accesso al beneficio, di norma, fino alla XV legislatura". Il ministro dell'Interno ha poi commentato la possibilità di ricorso da parte di qualche ex deputato: "Vorrei vederli in faccia: si vergognassero queste persone senza pudore e senza dignità". Cristoforo (Rino) Canavese, eletto con la Lega alla Camera dall'aprile '94 al maggio '96, vede ridursi il vitalizio da 3 mila 108 a 2 mila 105 euro (-32,3%). "#ByeByeVitalizi". Festeggiano con spumante e palloncini gialli i grillini in piazza Montecitorio, che da anni ormai si battevano contro l'assegno riconosciuto ai parlamenti alla fine del mandato. "Qui abbiamo l'autarchia", ha scandito, annunciando che "la settimana prossima presenteremo in commissione un ddl per tagliare le pensioni d'oro". "Il senso più profondo di questa delibera è culturale e di riequilibrio sociale".