Spagna e Croazia pensano già ai quarti

Spagna e Croazia pensano già ai quarti

Dopo le eliminazioni di ieri di Argentina e Portogallo, a sorpresa saluta anche la Spagna. A monte però le colpe sono tutte della Federcalcio spagnola che ha deciso di esonerare il c.t. Lopetegui alla vigilia dei Mondiali, sostituendolo peraltro con uno che di mestiere non fa l'allenatore ma il direttore sportivo, al massimo il direttore tecnico. Poi tanto tatticismo con la Danimarca sulle sue un po' come la Russia. Nel 1986 i sovietici si arresero al Belgio, al termine di un match rocambolesco terminato 4-3 per i diavoli rossi. Oggi vanno in scena altri due ottavi di finale, alle 16 la Spagna campione nel 2010 sfida la nazionale di casa, arrivata seconda nel gruppo A dietro l'Uruguay. I precedenti complessivi tra amichevoli e competizioni internazionali sono 6 e l'ultimo incrocio è stato la pirotecnica amichevole dello scorso novembre (3-3).

Spagna (4-2-3-1): De Gea; Carvajal- Pique- S.Ramos- J.Alba; Busquets- T.Alcantara; Silva- Iniesta- Isco; D.Costa. Puntiamo sul talento, appoggiando la vittoria degli uomini di Dalic. Per la Croazia [VIDEO], quello di stasera sarà il secondo ottavo di finale assoluto in una Coppa del Mondo, dopo la citata parentesi francese in cui la nazionale nata dalla disgregazione della Jugoslavia fu capace, da esordiente assoluta, di classificarsi al terzo posto finale. La Croazia, in pratica, è a un soffio dalle due grandissime favorite, Brasile e Francia, che sono date a 5,00.

Danimarca (4-2-3-1): Schmeichel; Dalsgaard, Kjaer, Christensen, Stryger Larsen; Kvist, Delaney; Poulsen, Eriksen, Sisto; N. Jorgensen.

Croazia e Danimarca si sono affrontate solo una volta in un match ufficiale, valido per una competizione internazionale.