Saldi al via | 7 su 10 con sconti 30-40%

Saldi al via | 7 su 10 con sconti 30-40%

Per chi voglia rinnovare il guardaroba è il momento giusto.

Nella stagione di saldi di quest'estate, al via domani in tutta Italia, si potrebbero fare grandi affari. In particolare, emerge che ogni famiglia spenderà in media per l'acquisto di articoli di abbigliamento e calzature poco meno di 227 euro (erano 230 nel 2017), per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro. Chi trasgredisce rischia multe salate: nel Lazio ad esempio, le sanzioni vanno da 1500 euro in su.

I prezzi scontati talvolta possono arrivare anche al 50%. Spesso gli stessi negozianti, tramite sms ed e-mail, segnalano gli sconti ai clienti più affezionati. Per chi si vorrà concedersi qualche acquisto, occhio dunque a evitare i raggiri. Spesso farsi prendere dalla frenesia degli acquisti non aiuta a risparmiare. E il presidente provinciale di Federmoda-Confcommercio Paolo Mantovani commenta: "Le aspettative sono alte, le temperature di questi giorni sembrano favorire le vendite dei capi più leggeri, per cui partiamo sotto i migliori auspici". Ecco alcuni consigli da tenere bene a mente prima di approfittare degli sconti. Il negoziante è quindi obbligato a sostituire l'articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

La presentazione al pubblico delle vendite di fine stagione deve esplicitamente contenere l'indicazione della natura di detta vendita.

Confrontare i prezzi. Non fermarsi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontare i prezzi con quelli esposti in altri esercizi. A volte un giro in più aiuta a risparmiare parecchio. No ai prodotti senza cartellino e ai fondi di magazzino, "riesumati" per fare cassa: gli sconti superiori alla metà prezzo nascondono spesso delle insidie.

6 Servitevi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistate merce della quale conoscete già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell'acquisto. Attenzione alle vetrine coperte da manifesti che non consentono di vedere la merce. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori. Un rito, quello dei saldi, che continua a piacere agli italiani.

Prova dei capi: non c'è obbligo. State alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. Problemi o truffe devono essere subito denunciate ai vigili urbani, all'ufficio comunale per il commercio o a un'associazione dei consumatori.