Reddito di inclusione: raggiunte 841mila persone nel primo semestre del 2018

Reddito di inclusione: raggiunte 841mila persone nel primo semestre del 2018

L'INPS oggi, 26 luglio 2018, ha comunicato che è stato pubblicato sul proprio sito l'osservatorio l'Osservatorio sul Reddito di Inclusione (REI) con i dati del primo semestre 2018, periodo in cui sono stati erogati benefici economici a 267 mila nuclei familiari raggiungendo così 841 mila persone.

I dati, basati sulle domande trasmesse all'Istituto dai comuni/ambiti territoriali di residenza dei nuclei richiedenti, si riferiscono al primo semestre dell'anno 2018 e non risentono ancora degli effetti universalistici della misura, in quanto solo dal 1° luglio 2018 con il venir meno dei requisiti familiari la misura assume pieno carattere di "universalità". Quindi in totale sono circa 311mila i nuclei che sono stati raggiunti dalle misure nazionali contro la povertà, con il coinvolgimento di oltre un milione di persone.

Nelle regioni meridionali si concentra il 70% dei benefici erogati in base al Rei.

Le regioni con il più alto numero di beneficiari sono la Sicilia e la Campania infatti insieme rappresentano il 50% del totale e il 53% del totale delle persone coinvolte.

La distribuzione dei nuclei percettori per numero di componenti fa registrare come classe modale quella con tre componenti che rappresenta il 24% della distribuzione.

L'importo mensile medio riconosciuto, attraverso il beneficio economico rappresentato dal ReI - Reddito di Inclusione, è pari a 308 euro a livello nazionale con un intervallo di oscillazione che spazia dai 242 euro mensili della Valle d'Aosta ai 338 euro al mese della Regione Campania. Rispetto alla composizione dei nuclei familiari per l " intera popolazione, invece, l " incidenza dei percettori di ReI risulta massima per i nuclei con 6 e più componenti con un valore di 534 nuclei ogni 10.000. L'importo medio varia sensibilmente, per costruzione della misura, per numero dei componenti il nucleo familiare, passando da 178 euro per i nuclei mono componenti a 435 euro per i nuclei con 6 o più componenti. Calabria, Lazio, Lombardia e Puglia coprono un ulteriore 28% dei nuclei e il 27% delle persone coinvolte.

Sonoo 169 mila i nuclei con minori, che rappresentano il 63% dei nuclei beneficiari che coprono il 78% delle persone interessate.