Pedrosa si ritira: "A Valencia sarà la mia ultima gara"

Pedrosa si ritira:

La MotoGP arriva al Sachsenring per il Gp di Germania, nono round e ultima tappa prima della pausa estiva del mondiale. "Dani è stato uno dei migliori piloti della MotoGp, è una leggenda di questo sport". Vigilia del weeekend particolare per Dani Pedrosa che prima del consueto incontro dei piloti con la stampa, ha annunciato in una conferenza stampa straordinaria il suo ritiro dalle corse dopo 18 stagioni nel Motomondiale, due titoli iridati in 250 e uno in 125 e almeno 54 vittorie, di cui 31 in top class. Davanti ai giornalisti presenti, l'emozionato pilota di Sabadell, tre volte campione del mondo nelle categorie minori, "re senza corona" nella categoria regina, ha deciso così di chiudere il lungo capitolo riguardante il Motomondiale. È sicuramente uno degli eroi, un eroe per tutti i ragazzini che crescono nell'ambiente del motociclismo e che si ispirano alle nostre gesta.

"Un grande ringraziamento va alla mia famiglia e ai fan che mi hanno sempre sostenuto e mi hanno sempre mandato messaggi incoraggianti nei momenti difficili del passato", ha concluso Pedrosa. "Alla fine, i vari incidenti hanno accelerato la mia decisione". "Ed è anche un grandissimo peccato che Dani non sia mai riuscito a vincere un campionato del mondo in MotoGp perché penso che se lo meritasse" ha ammesso il pesarese. "In verità non me l'aspettavo" ha aggiunto il Dottore. Sono molto orgoglioso di quello che ho fatto. "Voglio congratularmi con lui per tutto quanto". Pedrosa ha 32 anni e ha sempre corso con la scuderia dell'azienda giapponese Honda, che però non aveva rinnovato il suo contratto per il prossimo anno. Dani è stato mio compagno di team, era più veloce di me e ho sempre cercato di imparare qualcosa da lui, per me è un esempio. Probabilmente ancora fra le moto, "sono lo sport che amo, come faccio a farne a meno?" ha promesso.