Palio di Siena, vince il Drago!

Palio di Siena, vince il Drago!

Il 2 luglio, come da tradizione, è il giorno del Palio di Siena, la manifestazione che si tiene dal 1633 nella città toscana e diventato un evento di portata nazionale e non solo, tanto da catturare anche l'attenzione di numerosi turisti stranieri che accorrono per vedere la corsa in Piazza del Campo.

Gara dominata dall'inizio alla fine dal fantino del Drago, Andrea Mari (tre giri sempre in testa). Il premio consiste nel Palio, ovvero il drappellone che da secoli reca l'immagine di Maria Santissima venerata nella Chiesa di Provenzano, la basilica in cui i contradaioli vittoriosi immediatamente dopo la corsa si recano per il ringraziamento.

La terza possibilità prevedeva: Drago, Oca, Giraffa, Tartuca, Valdimontone, Istrice, Lupa, Leocorno, Chiocciola e Nicchio di rincorsa. Giraffa e Drago, infine, sono contrade pacifiche, cioè senza inimicizie particolari.

In piazza del Campo, dopo oltre un'ora di attesa per la mossa buona (due le mosse annullate dal mossiere) finalmente arriva la partenza con la vittoria di Brio in sella a Rocco Nice. Fra la folla di spettatori che hanno seguito il palio e i vari preparativi il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Le prove di idoneità e l'assegnazione dei cavalli (la Tratta), avvengono tre giorni prima del Palio, mercoledì 29 giugno; prima del Palio si svolgono sei corse di prova (una la mattina ed una il pomeriggio) durante le quali il fantino, scelto dalla Contrada, prende dimestichezza con il cavallo.