Napoli, Ancelotti si presenta: "Qui per il progetto. Vogliamo crescere"

Napoli, Ancelotti si presenta:

Inizia la conferenza stampa di fine ritiro di Carlo Ancelotti: "Abbiamo lavorato bene". Il campo di allenamento è sempre stato in perfette condizioni. Non abbiamo avuto intoppi a parte il problema di Zielinski e l'infortunio di Meret. Parliamo di una rosa di qualità, volitiva, giovane e con ottime doti fisica.

CALENDARIO - "C'è stato il sorteggio e quando c'è il sorteggio c'è la fatalità e il caso". Un campionato è fatto di partite di andata e ritorno, si devono incontrare tutte. Una cosa è certa: "il Napoli sarà pronto sin dalla prima partita", ha aggiunto il tecnico. "Non abbiamo mai discusso". Tutti devono contribuire per far sì che la squadra ottenga i risultati che merita. "Fino ad ora mi sono divertito e quando mi diverto sono pericoloso". "Cavani? Sono voci che nascono in ogni mercato. Ma io ho dei giocatori fantastici e ho la fortuna di poterli allenare, perciò i giocatori delle altre squadre non mi interessano".

"Stiamo valutando delle situazioni per il terzino e il terzo portiere, ma non siamo in emergenza. Ci sarà competizione per tutti in questa squadra".

ALLAN TERZINO DESTRO - "Lui è disponibile a farlo ma non è un'idea che ho". Ci mancavano i giocatori. "L'unico giocatore che ha cambiato posizione è Hamsik che mi sta dando grande soddisfazioni". "Il Napoli sta crescendo bene". Ho dei grandi calciatori e sono contento. Lui è un esterno fantastico, agli esterni poi chiedo di rientrare qualche volta nel campo. Riconsegna il Napoli ai napoletani e si mette al loro servizio, cominciando un'avventura che gli piace e lo stimola.

Il Napoli si è avvicinato alla Juve? "Non so, noi abbiamo la rosa al completo, loro non ancora per il rientro dai mondiali". Non so quanti gol farà e non mi interessa, mi interessa segni il Napoli. "Sono concentrato sulla mia squadra".

De Laurentiis? Ha una grande cultura. Ho trovato un ambiente motivato e con voglia di crescere.

"La mentalità vincente si costruisce giorno dopo giorno, soprattutto in un ambiente sano come questo". Poter tornare a parlare italiano con la squadra. Gli ho dato una soluzione in più senza alterare le sue caratteristiche. "Abbiamo giocatori di corsa, qualità, aggressivi, abbiamo un reparto molto vario e sfrutterò al massimo tutte le qualità".

NAPOLI - "Questo non è il Napoli mio". Dei tifosi, della società.

MAKSIMOVIC - "Credo non abbia problemi a giocare a destra o sinistra". Callejon lo vedo bene, sono contento di quello che sta facendo. Mertens torna il 6 agosto e farà un tempo nell'amichevole dell'11. Per me può giocare in tutti i ruoli dell'attacco. Nel frattempo è sfumata l'operazione Sabaly, con il giocatore che non ha superato le visite mediche.

FABIAN RUIZ - "Non forzo un giocatore a giocare dove non gli piace. Voglio avere tutti freschi e motivati".

CRESCITA - "Questo è un gruppo diverso rispetto a tutti quelli che ho allenato".

Questo Napoli è la squadra più giovane e fresca dal punto di vista fisico che ho mai allenato. Non ha alcun tipo di problemi. "E poi, oltre ad essere goleador, Milik maneggia bene la palla, la protegge bene, sarà utile anche in fase di costruzione".

CONTESTAZIONE A NAPOLI - "Ho trovato un pubblico molto educato che ci ha lasciato lavorare. La contestazione di Napoli mi sorprende, questa società è diventata grande grazie al presidente senza spendere follie e questo gli va riconosciuto". "Le priorità non sono mie o del presidente o del ds, ma la priorità è di un gruppo che discute e prende decisioni insieme".