Legionella: terzo morto e altri 4 casi di contagio a Milano

Legionella: terzo morto e altri 4 casi di contagio a Milano

Per un riconoscimento precoce dei sintomi e per facilitare l'informazione soprattuto verso i pazienti più fragili sono stati coinvolti i medici di medicina generale, mentre sono stati allertati tutti gli ospedali di riferimento per una pronta diagnosi e la segnalazione di nuovi casi.

Ieri erano morti un uomo di 94 anni è una un'altra anziana. L'ultima è una donna di 84 anni deceduta per le complicanze sviluppatesi dopo aver contratto il batterio.

La legionella è un batterio che vive nell'acqua, tra i 25 e i 55 gradi. Il veicolo di diffusione della Legionellosi - che si può manifestare sia in forma di polmonite con tasso di mortalità variabile tra 10-15%, sia in forma febbrile extrapolmonare - è l'acqua. Un'inchiesta sui casi di Bresso venne aperta e poi archiviata. Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano ha voluto, però, precisare che "non si tratta di un'emergenza, anche se chiaramente sul fatto che si ripresenti ciclicamente a Bresso faremo verifiche".

Sale a tre il numero dei morti.

Sarà importante invece adottare nuove strategie contro un'infezione che è sempre più ricorrente e di cui si parla con allarme solo in alcuni momenti: sarà infatti la nostra cura sulla rete idrica da cui attingiamo a evitare casi di infezioni. "E se ne hanno un'elevata carica batterica, determinano il diffondersi dell'infezione". Da questi ambienti raggiungono quelli artificiali come condotte cittadine e impianti idrici degli edifici: serbatoi, tubature, fontane, piscine e docce che possono agire come amplificatori e diffusori del microrganismo.

Scoperto nel 1976 deve il suo nome ad un gruppo di ex combattenti dell'American Legion, vittime del primo caso accertato di epidemia provocato dal batterio, con cui erano entrati in contatto durante una conferenza in un hotel di Philadelphia. Il batterio è responsabile della legionellosi, malattia infettiva che colpisce l'apparato respiratorio.

Come si sviluppa la Legionella?

Le autorità sono all'opera per individuare la fonte primaria per la proliferazione del batterio, con particolare attenzione a impianti di vaporizzazione e nebulizzazione dell'acqua, ma anche i sistemi di irrigazione delle piante in luoghi pubblici e privati. Febbre che si manifesta generalmente entro uno o due giorni dal contagio. La malattia ha un'incubazione che varia da 2 a 10 giorni, mediamente tra 5 e 6 giorni. In alcuni casi a questo si aggiunge anche: diarrea, spossatezza, dolori articolari e perdita di appetito che portano ad un deperimento della persona.