La Juve ha preso Cristiano Ronaldo

La Juve ha preso Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo diventa un giocatore della Juve in un giorno di luglio che i tifosi bianconeri difficilmente scorderanno, ma che allo stesso tempo rappresenta una svolta epocale anche per il calcio italiano. In quel caso può persino finire in una storia molto più grande di lei, la storia di calciomercato mondiale dell'estate 2018, anzi forse una delle storie di calciomercato più importanti di sempre. Scherzo del destino, così come quello del 2003 quando la Juve l'aveva ingaggiato giovanissimo dallo Sporting e tutto saltò all'ultimo. O il cerchio si chiude con una lucida follia da 400 milioni di euro. Inseguendo un progetto ai limiti dell'impossibile, la Juve si è garantita l'uomo della provvidenza.

Secondo il Corriere dello Sport i vantaggi principali saranno sul fronte dei ricavi da gare (biglietteria e ospitalità le due aree più interessate), ma non si possono escludere opportunità di nuove sponsorship di maglia in occasione della partita interna con i bianconeri (tra main, second e retro sponsor).

Per portare Ronaldo alla Juventus sono serviti 105 milioni.

La trattativa più incredibile si è chiusa ieri con l'atteso scacco matto al Real.

Andrea Agnelli, presidente della Juventus, questa mattina era volato in Grecia da Pisa, raggiungendo Khalamata, che dista una sessantina di chilometri dal resort Costa Navarino, dove alloggia Cristiano Ronaldo, in vacanza con la famiglia. Un blitz d'altri tempi, utile per sigillare il super affare e dare un segnale di forza prima degli annunci ufficiali. "Per il Real - aggiunge il comunicato del club campione d'Europa - Cristiano Ronaldo sarà sempre uno dei grandi simboli e un riferimento unico per le prossime generazioni: il Real sarà sempre la sua casa". Contratto di 30 milioni per quattro anni. E' quanto recita la nota stampa dei Blancos che ufficializza il passaggio di CR7 in bianconero.