Decreto dignità, c'è il via libera. Di Maio: "Smontiamo il Jobs act"

Decreto dignità, c'è il via libera. Di Maio:

INSEGNANTI MAGISTRALI - Nel decreto dignità rientra poi "una norma che aiuta gli insegnati delle lauree magistrali - ha specificato Di Maio -".

Di Maio ha poi aggiunto che il decreto dignità "è solo un primo passo in avanti" per combattere la precarietà del lavoro, l'obiettivo è quello di "ridurre il costo del lavoro intervenendo sul cuneo fiscale e questo nella Legge di bilancio ci sarà".

Lo spesometro, per il quale veniva previsto uno slittamento delle scadenze, non verrebbe proprio toccato; mentre lo split payment che consente alla Pa di trattenere direttamente l'Iva, in bilico sino all'ultimo perché avrebbe potuto produrre una caduta del gettito, verrà abolito solo per i professionisti e resta in vigore per le imprese. L'arco temporale di mantenimento obbligatorio delle attività economiche che hanno beneficiato del sostegno pubblico però "è pari a 5 anni" rispetto ai 10 ipotizzati in un primo momento. La bozza del decreto prevede il divieto di "qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet". Quindi, per tutti i tempi determinati non si potranno avere più di 4 proroghe, con un limite di durata massima comunque non superiore a 36 mesi.

La misura si applica anche ai contratti di somministrazione a tempo determinato, compresi i contratti attualmente in essere. Nell'ultima bozza infatti salta la misura che impediva contratti di somministrazione a tempo indeterminato.

Per i rinnovi di contratti oltre i 12 mesi tornano le causali: temporanee e oggettive o per esigenze sostitutive, connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell'attività ordinaria, per picchi e attività stagionali.

Decreto Dignità approvato in Consiglio dei Ministri! Nel decreto c'è anche una norma che, dopo la sentenza del Consiglio di Stato, lascia al loro posto le maestre diplomate per 120 giorni in attesa di una soluzione definitiva.

Tutte confermate, tranne la cancellazione dello staff leasing, le misure per contrastare il precariato in arrivo con il decreto dignità. Questo atteggiamento lo vediamo nelle organizzazioni criminali, che Nico De Masi ha denunciato come imprenditore, ma lo vediamo anche in organizzazioni che non sono criminali. Il beneficio andrà restituito con gli interessi maggiorati fino a 5 punti percentuali. I proventi delle sanzioni saranno "destinati al fondo per il contrasto al gioco d'azzardo patologico". Inoltre, "sono escluse dal divieto le lotterie nazionali a estrazione differita (la Lotteria Italia, ndr) e i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli".