Boeri: 'Pensioni? Un problema ridurre i migranti'

Boeri: 'Pensioni? Un problema ridurre i migranti'

Tito Boeri si esprime sulle politiche che hanno contraddistinto l'inizio del nuovo corso legislativo e sostiene che un blocco dei migranti influirà negativamente sulle pensioni. Boeri durante il Festival del Lavoro ha detto: "Gli scenari più preoccupanti per la spesa pensionistica prevedono una forte riduzione dei flussi migratori che è già in atto".

Ma com'è possibile che il calo dei flussi migratori porti ad un simile risvolto? Volenti o nolenti, l'immigrazione è qualcosa che può darci il modo per gestire questa difficile transizione demografica. Avere immigrati regolari ci permette di avere flussi contributivi significativi'. "Il sistema pensionistico non è in grado di adattarsi alla diminuzione dei contribuenti" legata al calo dei nati in Italia. Anche se gli italiani ricominciassero a fare i figli (il che non sembra possa realizzarsi in tempi brevi), secondo il presidente dell'Inps, "ci vorrebbero almeno 20 anni prima che comincino a pagare contributi".

Quanto all'impatto della proposta di riforma delle pensioni con 'quota 100', Boeri ha evidenziato che quota 100 per il sistema delle pensioni "aumenta di molto la spesa pensionistica, ha effetti destinati a trascinarsi nel tempo e peggiora il rapporto tra pensionati e lavoratori". Infine, Boeri ha toccato il tema dei vitalizi: "Secondo le nostre stime, con una serie di interventi sui vitalizi dei parlamentari e dei consiglieri regionali si potevano ottenere anche fino a 200 milioni di euro, che non sono niente a cospetto del nostro debito pubblico ma sono cifre importanti". Al rischio di "passi indietro" su questo fronte, paventato non più tardi di ieri dalla Bce, lo stesso Salvini ha risposto in mattinata ai microfoni Radio Capital con un secco "se ne faranno una ragione". La classe dirigente, ha rimarcato, "deve spiegare questo problema, che è un problema demografico dell'immediato".

Boeri si era poi schierato a favore del taglio delle pensioni d'oro, voluto soprattutto dai 5 stelle. L'intervento sulle pensioni d'oro è auspicabile "nel momento in cui c'è un debito pubblico molto alto - ha aggiunto - e si vuole abbassare la pressione fiscale sul lavoro per rilanciare l'economia". "I simboli contano tantissimo e chi chiede dei sacrifici alle famiglie deve dare il buon esempio", ha concluso.