USA, dazi all'Europa da mezzanotte

Così la commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem dopo l'imposizione dei dazi Usa all'acciaio e all'alluminio europei. Il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, da detto che gli Usa applicheranno da domani i dazi doganali sulle importazioni di acciaio alluminio dall'Unione europea, dal Messico e dal Canada.

"Questo è protezionismo puro e semplice", quindi "gli Usa non ci lasciano nessun'altra scelta che l'imposizione" di contromisure. "La eventuale rappresaglia non avra' un impatto significativo sull'economia Usa", ha aggiunto.

La vicenda è iniziata a marzo, quando Trump - che in campagna elettorale aveva promesso una serie di misure protezionistiche - ha deciso di imporre dazi del 25 per cento sulle importazioni di acciaio e del 10 per cento su quelle di alluminio.

"Abbiamo fatto tutto il possibile per evitare questo esito" ma "gli Usa hanno voluto usare la minaccia delle restrizioni commerciali come leva per ottenere concessioni dall'Ue, questo non è il modo in cui noi facciamo affari, e certamente non tra partner, amici e alleati di lunga data". "E' un brutto giorno per il commercio mondiale", ha aggiunto.

Parigi: "Ora si risponda" - La Francia prende atto della decisione degli Usa di Donald Trump di applicare i dazi sull'acciaio e l'alluminio. In una nota congiunta i due diplomatici affermano che se gli Usa imponessero dazi anche sulle auto e sui pezzi di ricambio ("non giustificati sulla base dell'argomento della sicurezza nazionale" usato da Washington, affermano), questo "causerebbe gravi turbolenze sul mercato globale e potrebbe portare alla fine del sistema commerciale multilaterale basato sulle regole del Wto".

Anche il Messico reagirà ai dazi americani con contromisure che prenderanno di mira prodotti americani tra cui generi alimentati come uva, mele, carne di maiale e laminati di acciaio. Come abbiamo detto "fino all'ultimo si tratta di misure ingiustificate e ingiustificabili".

"Le ultime settimane hanno dimostrato che l'unità europea è molto solida" ed è "importante che la reazione europea sia più coordinata possibile", insistono a Parigi, "deplorando fortemente" che gli Usa siano andati avanti con "misure unilaterali invece di accettare le proposte che avevamo fatto". "Ora che abbiamo chiarezza", ha quindi concluso Malmstroem, "la risposta Ue sarà proporzionata e in linea con le regole del Wto".