Summit Trump-Kim, la storica stretta di mano tra i due leader

Summit Trump-Kim, la storica stretta di mano tra i due leader

Prima di siglare l'intesa, il presidente nordcoreano ha fatto controllare la penna da un addetto in guanti bianchi. Trump e Kim hanno firmato dopo il summit di Singapore un documento per la denuclearizzazione che il presidente Usa ha definito "alquanto completo". Trump, dal canto suo, ha mostrato un atteggiamento quasi paterno, o paternalistico, per il giovane interlocutore.

Il faccia a faccia è durato circa 45 minuti.

"È impossibile entrare nella testa di Trump e divinizzare i suoi obiettivi strategici, sempre che abbia obiettivi a lungo termine", commenta Leonhardt, "Ma mettiamola così: se un presidente degli Stati Uniti dovesse abbozzare un piano segreto e dettagliato per spezzare l'alleanza atlantica, quel piano avrebbe una somiglianza sorprendente con il comportamento di Trump".

Gli Stati Uniti e la Corea del Nord uniranno gli sforzi per costruire un regime di pace duraturo e stabile nella penisola coreana. E, alla fine, la firma di un documento comune sui negoziati per la "denuclearizzazione completa della penisola coreana". Gli analisti finanziari di Singapore, hub finanziario del Sud-est asiatico, cominciano a temere gli effetti economici di un accordo tra Corea del Nord e del Sud. "Avremo una incredibile relazione, non ho dubbi", ha aggiunto il presidente americano.

Subito dopo il faccia a faccia con Kim, Trump ha affermato: "Il vertice è andato molto molto bene, abbiamo già una eccellente relazione e sarà un successo". Ed è positivo il bilancio del summit di Charlevoix per il presidente del Consiglio - che ha anche ricevuto i complimenti di Salvini, per essere arrivato "senza il cappello in mano, senza dire signor sì, signor padrone" - Dalla politica interna a quella estera, dall'economia ai rapporti con i partiti della maggioranza di governo, Conte - alle domande dei cronisti - ha risposto con il sorriso e l'aria di chi è abituato a parlare agli studenti, tornando anche su alcuni concetti per spiegare meglio la sua posizione. Trump si è così espresso durante una conferenza stampa a Singapore.

Iniziamo, senza aspettare "i ritardatari", ha detto Justin Trudeau. Ha detto di sentirsi "veramente bene", avendo Kim seduto sulla poltrona alla sua sinistra. Trump ha fatto vedere, secondo quanto riportano le agenzie di stampa, la macchina presidenziale, the beast.

"Molti nel mondo penseranno che questo è un film di fantascienza", ha poi scherzato. "Non è stato facile raggiungere questo punto". "Abbiamo avuto un incontro storico, abbiamo deciso di lasciarci il passato alle spalle, abbiamo firmato un documento storico, il mondo vedrà un importante cambiamento" ha detto il leader nordcoreano. Dall'altra parte però non c'è stata risposta.

L'hotel in cui si svolge il summit non è lo stesso in cui i due leader hanno pernottato.

L'appuntamento del 12 giugno è la tappa conclusiva di mesi intensi, un vero e proprio giro in montagne russe nel rapporto tra i due capi di stato.

Trump e Kim erano seduti l'uno di fronte all'altro.