Putin pronto a incontrare Trump

Putin pronto a incontrare Trump

Come ha sottolineato l'ambasciatore in un'intervista a Interfax, si sta lavorando perché i tifosi inglesi arrivino nel paese russo in sicurezza. Nella cooperazione bilaterale, inoltre, ci sono il vertice Sco (Shanghai Cooperation Organization) del weekend a Qingdao, ma anche temi relativi al gruppo dei Brics, al formato Ric (Russia, India e Cina) e al G20. Il capo del Cremlino ha definito "utili" i colloqui avuti col tycoon in passato, a margine di numerosi incontri internazionali, ma ha specificato che è giunto il momento di avviare veri e propri negoziati. Da Pechino, Putin definisce "un errore" di Trump quello di voler fare carta straccia dell'accordo sottoscritto da Obama.

A Trump, ultimo ad arrivare al vertice e probabilmente il primo ad andarsene sabato quando partirà in vista del summit con il leader nordcoreano Kim Jong-un a Singapore, ha risposto anche il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk: "Lasciamo il G7 così com'è".

Potrebbe essere Vienna la sede del summit tra Stati Uniti e Russia.

La Russia ha commentato con soddisfazione le aperture dell'Italia.

I leader europei si riuniscono e all'unanimità escludono Putin dai vertici.

I paesi europei membri del G7 si oppongono dunque all'unanimità alla riammissione della Russia nel club, ha comunicato l'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron. Senza passaporto, il ricongiungimento con i suoi familiari in Russia non è possibile.

E sui dazi, qual è la posizione italiana? Conte che assumerà una "posizione moderata".

Prima di questa evidente conversione a U del nostro presidente Conte sulla presenza di Putin al vertice delle grandi potenze, chiamiamolo pure voltagabbana in politica estera, il premier ne aveva combinata un'altra sui dazi.

"Credo che ora la palla sia nel campo degli americani", ha detto ancora Putin sottolineando che Mosca è pronta a rafforzare, approfondire e migliorare le relazioni con gli Stati Uniti. Di sanzioni ha parlato anche il presidente Vladimir Putin nella sua lunga linea diretta con il popolo russo.