Morto Gino Santercole, il musicista e autore nipote di Adriano Celentano

Morto Gino Santercole, il musicista e autore nipote di Adriano Celentano

Gino Santercole, nipote e autore di Adriano Celentano, è scomparso la notte scorsa all'età di 77 anni a Roma.

Autore superbo, Santercole ha scritto le musiche di alcune canzoni entrate nella storia della musica italiana: "Una carezza in un pugno", "Svalutation", "Straordinariamente". Di Adriano Celentano, oltre che parente, era anche strettissimo collaboratore, sin dall'inizio, del ragazzo della via Gluck.

Il debutto nel mondo della musica avviene proprio con lo zio iniziando con i Rock Boys e passando poi ai Ribelli. Insieme ad altri artisti come Don Backy, Pilade e Gianco affiancò lo zio nella nascita del Clan Celentano.

Nel 1964 debutta come cantante solista. Ma è anche al cinema che Santercole si tuffa a capofitto, lavorando con registi come Pietro Germi, Dino Risi, Giuliano Montaldo, Luigi Comencini, Luciano Salce, Mario Monicelli. Da Anna ha avuto due figli. Negli anni '60, Santercole sposò Anna Moroni, sorella di Claudia Mori, moglie di Celentano, diventando quindi il cognato di suo zio. Alla carriera di cantante, musicista e compositore (anche di colonne sonore), Santercole affianca la carriera di attore.

Dopo un periodo di lontananza, nel 1999 torna in tv proprio invitato dallo 'ziio' Celentano ad una puntata del suo programma televisivo 'Francamente me ne infischio'.

Era nipote di Adriano Celentano, benché quasi coetaneo.