Mertens, non andrò in Cina

Mertens, non andrò in Cina

Tra gli argomenti anche Napoli e il Napoli. "Cosa scelgo tra Scudetto e Mondiale? Ora proverò a dare tutto me stesso per vincere la Coppa del Mondo, speriamo che possiamo riuscirci". Leggo che il Belgio debba vincere quasi per forza la Coppa del Mondo, ma bisogna guardare partita per partita. "Abbiamo qualità e fame di vittoria".

"Dopo sei mesi ero obbligato a fare interviste in italiano". Allinizio ho preso delle lezioni, ma erano davvero stancanti: le terminai subito ed iniziai a sentire parlare i miei compagni in spogliatoio”.

Sui tifosi. "Non rinuncio mai a un selfie con loro, anzi lo considero un onore". Solo che è già iniziato il secondo turno! "Dopo la vittoria con Juventus per 0-1 il nostro pullman non è riuscito a passare in mezzo a loro per un sacco di tempo, i tifosi erano in delirio".

Su un futuro in Cina: "Non giocherò mai in Cina perchè mia moglie Kat non vuole andare fin lì". Ma ho avuto la chance per farlo e la possibilità di guadagnare in due anni tanto quanto in tutta la carriera. A Napoli sto bene ed ho ancora due anni di contratto. Quando poi vado ad allenarmi, devo essere sincero, sento la fatica. Anche per questo penso che avere dei bambini ti porta a non infortunarti, ma rispetto che ha dei bambini. Sarri è un grande fumatore, però per un atleta è diverso. “A Napoli cè una linea ben definita: ad esempio nei giorni prima della partita ai nostri tavoli troviamo anche del vino.