Jarvis: "Lorenzo su una Yamaha? Può essere"

Jarvis:

Lin Jarvis, managing director della Yamaha, ha lanciato una clamorosa ipotesi per il futuro di Jorge Lorenzo. Ma la gara di questo weekend sarà decisiva? "Non so se sarà Valentino stesso a fare da team principal, oppure sarà solo il proprietario", ha detto Jarvis. Riguardo a una ragazza nell'Academy, perché no? E seMattarella lo chiamasse a un nuovo governo, come risponderebbeVale?: "Perché no, Non sarebbe male, magari potrei dare unamano" ha scherzato Rossi. Ma a tenere banco è il futuro di uno dei piloti più importanti della classe regina del Motomondiale: Jorge Lorenzo. È c'è anche una questione fisica, lui è un pilota alto, quindi può guidare una MotoGP. "Sono un campione", gonfia il petto il numero 99. "Forse nel calcio c'è bisogno di nuove motivazioni o qualcosa di diverso". In passato ho avuto delle difficoltà, ora mi sento molto bene con la moto, ma se le prestazioni dei tuoi rivali sono più alte, è normale che fai più fatica. I tifosi del Mugello saranno come il 12esimo uomo? All'inizio è stata dura quando sono arrivato in 500, perché il primo anno son caduto e mi sono ritirato anche nel 2001, poi però ho iniziato a vincere.

Con l'occasione Lorenzo ha accettato la proposta di diventare testimonial di #EnjoyRespectVenezia, la campagna di sensibilizzazione del Comune di Venezia per il rispetto e il decoro della Città che ha già coinvolto illustri personaggi della musica, dello sport, del cinema e dello spettacolo, nazionali ed internazionali.

Il Mugello è una pista bellissima, ma una delle piste più difficili. Che possa rimanere a Borgo Panigale è difficile, ma, data la situazione pressoché definita in gran parte dei team rimanenti, mette ulteriori punti interrogativi sul suo futuro.