Giornata mondiale del donatore di sangue: tutti gli appuntamenti in Liguria

Giornata mondiale del donatore di sangue: tutti gli appuntamenti in Liguria

È un fenomeno generalizzato in tutta Italia ma in occasione della Giornata Mondiale del Donatore, che si celebra oggi, l'Avis regionale e l'assessore alla Sanità Luca Coletto lanciano un appello ai cittadini. Il calo continua dal 2012, quando si era raggiunto il "picco" di quasi 1 milione 740 mila donatori registrati. Nel 2017 sono state effettuate oltre tre milioni di donazioni (3.006.726 per la precisione), trentamila in meno rispetto all'anno precedente. Il 13% ha invece tra 18 e 25 anni.

- Nelle aree in via di sviluppo, fino al 65% delle trasfusioni di sangue viene somministrato a bambini di età inferiore ai 5 anni. E "una fornitura adeguata può essere garantita solo attraverso donazioni regolari da parte di donatori di sangue volontari non retribuiti", ricorda l'Oms. Il tasso di donazione di sangue, infatti, va dalle 32,1 donazioni ogni mille abitanti nei paesi ad alto reddito alle 4,6 nei paesi a basso reddito. Non tutte le donazioni purtroppo provengono da donazioni effettuate presso il servizio trafusionale del Gemelli, più di 2/3 provengono da donazioni effettuate in centri trasfusionali di altre regioni, i cui donatori sono più numerosi, come Piemonte, Toscana, Veneto e Puglia. Per sopperire alle emergenze e incentivare le donazioni, il ministero della Salute ha inserito i donatori di sangue tra le categorie a cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale. Storico presidente dell'Avis di Reggio Calabria, la prima articolazione territoriale dell'associazione nazionale nata in questa regione e fondata nel 1954, Enzo Romeo fu anche il fondatore in Calabria dell'Aido (Associazione italiana Donatori di Organi) e, con Paolo Marcianò e Tania Franco, pure del Gruppo Avis Donatrici di Cordone Ombelicale (Gadco).

Quella che i volontari AVIS portano avanti è una missione importante che ha il nobile scopo di salvare vite umane.

Nel 2017 le unità raccolte di sangue intero sono state 216.479, le unità trasfuse 201.552. "Non dobbiamo pero' abbassare la guardia - ha proseguito - perche' sebbene il trend delle donazioni sia aumentato dell'1,14% rispetto al 2016, e' diminuito dell'8% il numero degli aspiranti donatori". Per quanto riguarda la fotografia dei donatori, il 31% sono donne, e il 69% uomini. Il Centro regionale sta lavorando assieme alle Aziende sanitarie dell'Emilia Romagna per promuovere il buon uso del sangue, ovvero un utilizzo appropriato alle necessità e alle condizioni del paziente. Ed è necessario continuare nell'attività di sensibilizzazione delle nuove generazioni affinché comprendano l'importanza di questo gesto.