Francia-Argentina, le formazioni ufficiali: Pavon dal 1', così come Matuidi

Francia-Argentina, le formazioni ufficiali: Pavon dal 1', così come Matuidi

Faghani non ha dubbi e assegna il penalty. Ma l'Argentina è anche esperienza e lo stile sudamericano, voglio dire che sono dei guerrieri. Quasi dal nulla, tuttavia, l'Albiceleste trova il pareggio: Di Maria riceve palla sulla trequarti e si coordina scaricando un sinistro potente che s'infila sotto l'incrocio dell'incolpevole Lloris. L'Argentina appare ormai in balia della Francia e, 5' più tardi, ancora l'attaccante del Paris Saint-Germain penetra facilmente in area e punisce il malcapitato Armani per la doppietta personale.

Nel secondo tempo succede di tutto. "Il team dell'Argentina non è costruito intorno a Messi - aggiunge Deschamps - ma lui comunque ha un grande impatto, basti pensare a quanti gol ha fatto e al fatto che, in un attimo, può decidere una partita". Il fallo inizia fuori area, Mbappé cade dentro e inganna l'arbitro che concede il rigore senza che dal Var gli facciano cambiare idea: sul dischetto va Griezmann che spiazza Armani e porta avanti i 'galletti'. L'Argentina, dunque, dopo essersi qualificata agli ottavi per un soffio, saluta meritatamente la rassegna iridata: per Fazio, nonostante una prestazione al di sotto delle sue qualità, la (mera) soddisfazione di aver esordito in un Campionato del Mondo in quella che probabilmente, dati i suoi 31 anni, è stata la sua ultima occasione.

Nessuna sorpresa nel 4-2-3-1 di Deschamps, dove Pogba fa la diga con Kanté davanti alla difesa e Griezmann viene lasciato libero di agire dietro al centravanti Giroud con Matuidi e Mbappé a fargli da scudieri ai lati.

A disp.: Kimpempe, Lemar, Dembele, Nzonzi, Mandanda, Rami, Sidibe, Mendy, Areola.

ARGENTINA: Armani; Mercado, Rojo (46' Fazio), Otamendi, Tagliafico; Banega, Mascherano, E. Pérez (65' Aguero); Pavon (75' Meza), Messi, Di María. All.

A disp.: Guzman, Ansaldi, Biglia, Acuna, Higuain, Salvio, Lo Celso, Dybala, Caballero.