Euro-bufera su Salvini e Le Pen: spunta un Natale da 13.500 euro

I conti contestati al gruppo parlamentare euroscettico ammontano a 427mila euro complessivi. Non proprio il massimo per chi da un lato critica l'Europa, dall'altro ne sfrutta i privilegi per ragioni di diplomazia.

Ma desta ancora più curiosità alcune cene parigine organizzate tra Le Pen e Salvini. Salvini e Le Pen hanno scelto di andare a mangiare nel pluristellato L'Ambroisie, in place des Vosges, spendendo ben 449 euro a testa.

Del gruppo "Europa delle Nazioni e delle libertà" fanno parte - oltre agli eurodeputati del Carroccio - i rappresentati del partito di estrema destra francese Front National guidati da Marine Le Pen, i rappresentanti del FPÖ austriaco e del Partito olandese per la libertà (PVV) guidati da Geert Wilders. Il sito europeo di Politico pubblica nel dettaglio la lista delle spese e dei politici che le avrebbero sostenute. È bene precisare che, la Lega, nelle scorse ore ha smentito la partecipazione di Salvini. Tra questi, scrive il settimanale di inchieste e satira Le Canard Enchainé, ci sono anche 60 bottiglie di champagne e vino Gevrey-Chambertin per la modica cifra di 13.500 euro.

Rimborsi europarlamento: non esclusa la richiesta di restituire i soldi L'Ufficio di presidenza dell'Europarlamento, in una riunione a Strasburgo nella serata di lunedì 28 maggio ha fatto sapere che non procederà ai rimborsi fino a quando non sarà fatta piena luce.

Le spese effettuate dal gruppo nel 2016 sotto la lente di E&Y Le spese contestate riguardano il bilancio del gruppo Europa delle Nazioni e delle Libertà, al quale appartengono 36 eurodeputati, per l'anno 2016: l'audit esterno è stato realizzato dalla società Ernst and Young, che inizialmente aveva individuato 596.995 euro non spesi secondo le regole dell'Europarlamento. Il gruppo della Lega, dunque, non risulterebbe affatto coinvolto ed in una nota è stato il segretario del gruppo Enl, Philip Claeys a chiarire che "nessun eletto della Lega, né alcun componente dello staff, sono coinvolti e citati nelle contestazioni relative ai budget del Parlamento Europeo". "Stesso discorso per gli altri parlamentari e componenti dello staff della Lega". Tanto è costata la cena natalizia del gruppo all'Europarlamento Enl, di cui fanno parte Matteo Salvini, Gert Wilder e Marine Le Pen. "L'amministrazione ha chiesto ulteriori informazioni e giustificativi al gruppo", ha spiegato la portavoce.