Debito record ad aprile a 2.311 miliardi

Debito record ad aprile a 2.311 miliardi

Ad aprile, afferma la Banca d'Italia, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 9,3 miliardi rispetto a marzo, salendo a quota 2.311,7 miliardi.La crescita del debito "è dovuta all'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (7,3 miliardi, a 52,1 miliardi; erano 58,5 ad aprile 2017) e, in misura minore al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (2,4 miliardi)".

Rispetto all'aumento complessivo del debito di 9,3 miliardi di euro, la quasi totalità di questo dato si deve alle amministrazioni pubbliche centrali che hanno inciso per 9,1 miliardi, mentre quelle locali hanno contribuito con appena 200 milioni di euro. Ma c'è anche un effetto dovuto al fabbisogno delle Amministrazioni, che pesa per 2,4 miliardi. Ci siamo comportati come le cicale, invece che come le formiche: "non abbiamo approfittato del Qe e dei bassi tassi di interesse per abbattere il debito pubblico in valore assoluto". "E ora che i tassi di interesse saliranno, gli italiani si troveranno a pagare una mini manovra da 4 mld per ogni punto in più di tasso di interesse, visto che ogni anno vanno in scadenza 400 miliardi di debito" conclude Dona. Nel mese di aprile 2018 sono cresciute di 1,1 miliardi rispetto allo stesso mese del 2017 portandosi alla cifra tonda di 30 miliardi.